Altre 139 persone sono morte ieri, venerdì 14 febbraio, nella provincia cinese dell’Hubei a causa del coronavirus, portando il totale a oltre 1.500. Lo ha reso noto la Commissione provinciale per la salute, dando notizia anche di 2.420 nuovi contagi, circa la metà del giorno precedente.

Nella città di Wuhan, il luogo in cui è comparso il Covid-2019 (il nuovo nome ufficiale del coronavirus), invece, sono ben 11 milioni le persone che si trovano ‘chiuse’ in casa. Di conseguenza, le strade sono vuote. Quotidianamente, però, ci sono decine di veicoli che diffondono sostanze chimiche, come dimostra un video condiviso su Twitter da People’s Daily, il giornale di Stato della Cina:

Sui social media, seppur siano difficili da reperire, ci sono altri video che mostrano le stesse scene, come questo:

E come quest’altro:

In pratica, si nota sempre lo stesso fumo biancastro spruzzato da diversi veicoli. E si sa davvero poco su quali siano le componenti di questo prodotto chimico.

Business Insider ha sostenuto che i camion spargono soluzioni a basso contenuto di candeggina: «The Drake Company produce un prodotto per la pulizia a base di perossido di idrogeno (l’acqua ossigenata, n.d.r.) che è stato originariamente sviluppato per neutralizzare gli agenti di guerra biologica e chimica. D7 uccide i virus sulle superfici dure e sui tessuti fino a otto ore prima di degradare in acqua non potabile, il che lo rende molto più resistente di una candeggina e di un getto d’acqua». Ci sono, comunque, dubbi sull’efficacia di quest’azione disinfestante.