Un uomo tedesco ha affermato che la sua relazione con la sorella è “vero amore” e si batte per rendere legale l’incesto. Il 44enne Patrick Stübing ha quattro figli avuti con la sorella minore, Susan Karolewski: è stato adottato da bambino e ha rintracciato la sua famiglia biologica quando aveva 23 anni. Al Daily Mail la donna ha raccontato: “La fiducia è diventata un diverso tipo di amore quando nostra madre è morta sei mesi dopo”.

Stübing e Karolewski hanno stretto una relazione intima e, tra il 2001 e il 2015, hanno avuto quattro figli. Due dei bambini sono disabili. Stübing ha detto al giornale inglese: “Sono diventato il capofamiglia e ho dovuto proteggere mia sorella. Lei è molto sensibile ma ci siamo aiutati a vicenda durante questo periodo molto difficile e alla fine quella relazione è diventata intima”.

La coppia da tempo difende la loro relazione. Stübing ha affermato che “non sapevano nemmeno che stavamo facendo qualcosa di sbagliato” secondo la legge. E ha aggiunto: “Nostra madre non avrebbe approvato ma gli unici che dovrebbero giudicarci ora siamo noi”.

La coppia è stata processata per incesto nel 2002 e a un tribunale distrettuale è stato detto che Stübing “solo all’inizio si preoccupava di usare i preservativi”. Dopo anni di vicissitudini legali, Stübing e Karolewski hanno cominciato la loro campagna per rendere legale l’incesto e hanno presentato ricorso alla Corte dei diritti umani nel 2012.   Ma l’offerta della coppia è stata respinta e gli è stato detto che “non ci sono prove sufficienti” per suggerire una “possibile tendenza alla depenalizzazione di tali atti”.

Il Daily Mail riporta che la coppia vive ancora insieme nella Germania orientale, dove l’incesto tra fratelli rimane illegale. L’incesto è punibile con la morte in Afghanistan, Iran, Arabia Saudita e Nigeria. La pratica è illegale anche nel Regno Unito.