Presto si potranno indossare mutande e altri capi di biancheria intima che non hanno bisogno di essere lavate (quasi mai). Si potranno usare anche per diversi giorni di seguito e, secondo quanto affermato dagli inventori, permetterebbero un risparmio dei consumi di acqua del 90%.

L’idea viene da un brand danese che ha lanciato una campagna su Kickstarter, la piattaforma di crowfounding. Campagna di successo visto che l’obiettivo era quello di raccogliere 25mila dollari mentre, a diversi giorni dalla scadenza, la cifra raggiunta sfiora i 50mila dollari.

Le mutande e gli altri capi in progettazione sono realizzati con un particolare sale d’argento utilizzato dalla Nasa per la purificazione dell’acqua sulle stazioni spaziali che sarebbe in grado di uccidere il 99,9% di batteri, funghi e microbi consentendo così di poter essere lavati molto meno spesso rispetto alla normale biancheria intima.

Al momento il progetto prevede solo una linea maschile ma la società danese fa sapere che presto dovrebbe arrivare anche quella dedicata alle donne.