“Se non c’era il sottoscritto, la Lega non faceva niente, se io e Salvini non agivamo contemporaneamente: io sono responsabile della sicurezza della navigazione fino all’attracco dell’imbarcazione al porto, lui è responsabile dopo, per lo sbarco e l’ordine pubblico”.

Lo ha rivendicato il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, ospite di Agorà. “Nel 2018, solo grazie a sette mesi del governo del cambiamento, meno 90% di sbarchi in Italia, sa cosa significa, quanti morti in meno?”.

Dunque, “se queste due politiche, questi due elementi non si integravano non c’era questo -90%. E’ grazie al buon lavoro di due forze politiche chiare, coerenti, fatto insieme, che si portano a casa i risultati”, ha concluso il ministro.

Appena ieri lo sesso Ministro Toninelli ha annunciato l’invio in Sicilia di un commissario per l’emergenza viabilità e dunque per gli interventi di rifacimento delle disastrose stare dell’isola mentre nei giorni scorsi a lui il sindaco Orlando aveva rivolto un invito a non seguire salvini nella battaglia per la chiusura dei porti