• Acqua: sale torbidità, interrotto prelievo dalla diga Poma
  • Attivato il “vascone”: se torbidità rimane, Amap costretta a chiudere l’acqua
  • Disagi dal 9 dicembre a Balestrate, Trappeto, Terrasini, Carini, Capaci ed Isola delle Femmine, nonché nella zona nord della città di Palermo.

A causa dell’innalzamento della torbidità delle acque grezze prelevate dall’invaso Poma, questa notte è stato interrotto il prelievo dallo stesso invaso verso il potabilizzatore Jato nel comune di Partinico.

Attivato il “vascone”

Grazie all’attivazione del cosiddetto “vascone“, il bacino da circa 50.000 metri cubi d’acqua, realizzato in prossimità dell’impianto, non è stato interrotto il processo di potabilizzazione, che procede a ritmo ridotto. Ciò permetterà di avere una autonomia di circa 36 ore.

Se torbidità rimane, Amap costretta a chiudere l’acqua

l "vascone" realizzato da Amap a Partinico in prossimità del potabilizzatore Jato

Il “vascone” realizzato da Amap a Partinico in prossimità del potabilizzatore Jato

Nell’eventualità in cui durante questo arco temporale la torbidità dell’acqua non sia rientrata nei parametri compatibili con il trattamento di potabilizzazione, l’Amap sarà costretta ad interrompere l’erogazione idrica tramite l’acquedotto Jato.

Disagi dal 9 dicembre

Potranno pertanto verificarsi a partire da giorno 9 dicembre disservizi nella erogazione ai comuni della fascia costiera nord-occidentale (Balestrate, Trappeto, Terrasini, Carini, Capaci ed Isola delle Femmine), nonché nella zona nord della città di Palermo.

Il monitoraggio prosegue

I tecnici dell’azienda monitorano costantemente l’andamento della situazione e della torbidità dell’acqua in uscita dalla diga Poma, al fine di permettere la ripresa del trattamento di potabilizzazione nel più breve tempo possibile.

Ogni aggiornamento sarà disponibile sul sito www.amapspa.it o tramite i numeri di contatto dell’azienda (091.279111, con risponditore automatico, oppure 800.915333, call center raggiungibile unicamente da telefono fisso).

Problemi strutturali all’invaso Poma

Rispetto ai problemi strutturali dell’invaso Poma, i tecnici della Regione hanno sottolineato le difficoltà strutturali e finanziarie collegate all’ipotesi di rimozione del fango dal fondale, che oltre alla torbidità determinano periodicamente problemi di presenza di agenti inquinanti che allungano i processi di potabilizzazione. Sono infatti stimati circa 4 milioni di metri cubi di sedimenti, il cui smaltimento avrebbe un costo di decine di milioni di euro.

 

AGGIORNAMENTO: Peggioramento a causa maltempo

Peggiora la situazione dell’invaso Poma, parte di Palermo e comuni senz’acqua

Articoli correlati