Continuano gli appuntamenti legati al fitto cartellone de “Settimana delle Culture”. Mostre, spettacoli e proiezioni animeranno le giornate del 15 e del 16 maggio. In particolare, la giornta di domani sarà dedicata ai tributi. Nel programma della Settimana delle Culture ci sono una serie di appuntamenti in ricordo di personaggi diversi, eccellenze nei rispettivi campi di indagine. A partire da Ernesto Basile e dal Liberty, uno dei cuori della IX Giornata Nazionale degli Archivi di Architettura contemporanea che prevede diversi appuntamenti.

Alle 10 e alle 11 dal sagrato di San Domenico partirà “Effetto Basile – lessico floreale”, una lezione collaterale alla giornata di studi che porterà alla scoperta delle opere Liberty e di Basile all’ingresso della chiesa di San Domenico; ne parlano Danilo Maniscalco e Padre Sergio Catalano.

Giovedì alle 17,  la tappa conclusiva condurrà a Casa Lobue-Lemos, e sarà guidata da Maria Antonietta Spadaro, Massimiliano Marafon Pecoraro, Giulia Argiroffi, Luciano Ministero, Anna Maria Ruta. Sempre domani, ma alle 10,30 al Dipartimento di architettura, si apre la giornata di studi con un focus sulle Officine Ducrot in cui verrà inaugurata una mostra sul tema a cura di Associazione AAA Italia. Dalle 15,30 e poi anche giovedì dalle 9,30 alle 19,30, i lavori continueranno al Riso con un focus su “I luoghi della civiltà del lavoro nel XX secolo”.

Archivia Donne ha partecipato alla Call del Museo Archeologico e di Coopculture per comporre il cartellone del Salinas Culture Hub. Sono stati selezionati 14 progetti: tra questi, Archivia – Donne in relazione propone una giornata documentaria e una piccola mostra di foto d’epoca dedicata a Iole Bovio Marconi, l’archeologa, e prima direttrice del Salinas, allora Museo Nazionale, che in un ambiente smaccatamente maschile come era quello dell’Università e della Cultura dei primi anni Trenta, riuscì ad imporsi e a salvare i reperti del museo dai bombardamenti del ’43, trasportandoli in casse anonime all’abbazia di San Martino delle Scale.

Dalle 16,30 nell’Agorà, dopo la visita guidata alla Sala delle Metope, parleranno di Iole Bovio Marconi, il direttore del Museo Francesca Spatafora, poi Angela Lanza, Donatella Barazzetti, Rita Alù, Claudia Speciale, Laura D’Esposito. Performance musicale del Conservatorio a cui si unirà il gruppo di musica vocale da camera formato da Martina Mazzola, Martina Licari, Gianbartolo Porretta.

Alle 16,30 a Palazzo Abatellis, Anisa organizza un incontro con Evelina De Castro, Eva di Stefano, Lina Novara, Maria Antonietta Spadaro, Vincenzo Abbate, Francesco Paolo Campione per ricordare Benedetto Patera – scomparso ad inizio gennaio -, uno dei maggiori storici dell’arte siciliani, Benedetto Patera, a lungo docente dell’Università di Palermo, che ha dedicato larga parte delle sue ricerche al Rinascimento siciliano e in modo particolare ad Antonello Gagini e Antonello da Messina.

Per quanto riguarda le mostra, anche lungo la giornata di oggi, La Settimana della Culture ne ospita diverse. A partire da “Spigolando” collettiva di varia natura e genere, che accoglie nomi noti e meno, uomini e donne, giovani e meno giovani, tutti uniti dal comune desiderio di esprimersi e dall’amore per l’arte: oggi alle 17,30 a Palazzo Jung si inaugura la collettiva che racchiude ventidue opere di  Rossella Cazzin, Giuseppa D’Agostino, Salvatore Lareddola, Sara Mineo, Ema Resart, Maria Silvana Ruggeri, Paolo Sallier de La Tour, Stefano Zangara. Resterà aperta fino al 30 maggio, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

Alle 11 a Palazzo Sant’Elia si presenta “Militello in Val di Catania nei ricordi d’infanzia” di Mario Abbotto che ne discute con Salvatore La Monica. Alle 16 Maria Teresa De Sanctis propone “Città e campagna”, un progetto che discute della possibilità di ritornare ad una vita più tranquilla, meno nevrotica e più “green”.  La De Sanctis leggerà brani da brani tratti da “Il carnevale degli insetti” di Stefano Benni. A ruota sarà proiettato”Il pianeta verde” di Coline Serrault. Alle 17 a Palazzo Branciforte, “L’impronta della penisola iberica nella età del bronzo siciliano” di Francesca Mercadante (Edizioni del Mirto). Alle 17,30 alla Libreria Macaione continuano le “Letture maledette” con Angelo Ganazzoli, Vicio Matta, Salvatore Nocera Bracco.

Alle 9.30 allo Stato Brado sarà presentato un progetto che si basa sulla compagna di informazione e prevenzione HIV e AIDS, “La prevenzione va in tournée” . In questo ambito è prevista una performance del violinista Michele Lombardo; un concerto dei ragazzi dell’Istituto Regina Margherita e l’estemporanea di pittura di Acnaz. Dalle 15,30, laboratori sulle malattie (trasmissibili e no), performance art e musica. Alle 17,30 si presenta “Annegare”, libro di Alessio Castiglione che ne parlerà con Ottavio Navarra.

Alle 17 alla chiesa di San Francesco Saverio, l’oratorio “Il Canto della Santuzza” di Salvino Leone (testo), Lucina Lanzara (musiche) alla chitarra che guiderà i Tamburi Palermo Ben Kadí, I bambini del Parco del Sole, Le Voci Vicine, il coro di Mauro Visconti, Sant’Ignazio di Bagheria. Alle 17 a Palazzo Ziino, “Plegarius” commenti musicali di Ginevra Gilli (arpa celtica e voce) e della Banda Kosmo/Polis diretta da Fabrizio Augugliaro. E il progetto di Daniele Moretto “Plegarius – Il Guscio Cosmico”: un palcoscenico-fontana. Alle 21 allo spazio Tre Navate dei Cantieri della Zisa, concerto della band Anime Controverse: Kristian Andrew Thomas Cipolla (voce), Stefano Midulla e Mauro Aiello (chitarre), Luca Giuffrida (basso); e all’Oratorio di San Mercurio, il Fado portoghese degli Alenfado (contributo: 8 euro).

Sciascia: dal romanzo breve al poliziesco di genere. Un altro omaggio è quello che Umberto Cantone dedica a Leonardo Sciascia all’ Archivio Storico Comunale dalle 10.30. “Leonardo in noir. Sciascia e il genere poliziesco tra letture e visioni”. Sarà proiettato “Cadaveri eccellenti” di Francesco Rosi e saranno esposte alcune prime edizioni di Sciascia con le edizioni storiche dei romanzi gialli prediletti dallo scrittore. Alle 16, “Una storia semplice”, con la lettura integrale del romanzo breve e alcune video di materiali inediti.

Sole Luna – Un ponte tra le culture e la Fondazione Sicilia hanno organizzato per La Settimana delle Culture, un programma di dieci proiezioni di film su uno tra i temi di maggiore attualità: le migrazioni. Stasera dalle 20,30 a Palazzo Branciforte tocca ai documentari  “Sea of sorrow, sea of hope” di Estephan Wagner, Marianne Hougen-Moraga e “Loro di Napoli” di Piero Li Donni.

Alle 21 alla biblioteca comunale di Carini per il ciclo “prendiamo la valigia e seguiamo gli emigranti”, si proietta “Uno sguardo dal ponte”, classico diSidney Lumet.

Molte delle mostre che saranno inaugurate all’interno del programma, proseguiranno al di là della Settimana delle Culture. La maggioranza degli eventi è ad ingresso libero, prevedono un contributo alcune mostre, gli spettacoli e le visite guidate (da prenotare direttamente ai link delle associazioni che le propongono).  Info su lasettimanadelleculture.it.