Fra Pasqua e il Primo maggio, Palermo terza città d’Italia per presenze di turisti italiani, dopo Roma e Firenze. Un nuovo risultato che onora tutti noi e ci impegna a fare ancora di più e meglio. Il turismo sempre più numeroso è una straordinaria risorsa per il lavoro, l’economia, lo sviluppo.”

Lo ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando commentando i dati diffusi da Confturismo sulla base di uno studio fatto dall’Istituto Piepoli, e che vedono la nostra città fra le più ricercate mete turistiche per il lungo ponte fra Pasqua e il primo di Maggio, insieme a Roma, Firenze, Venezia, Napoli e Lecce.

Un dato confermato dagli arrivi previsti al porto e all’aeroporto, con un netto incremento rispetto agli anni scorsi.

“Palermo che ‘compete’ con Venezia, sia pure per alcuni giorni è già di per sé una notizia – commenta ancora il sindaco – È la prova di come lo straordinario anno di Palermo Capitale della Cultura e di Manifesta abbia segnato profondamente e in positivo l’immagine della città a livello nazionale ed internazionale. È la conferma che Palermo capitale delle Culture e capitale dell’accoglienza si afferma sempre più come un brand che dobbiamo difendere, promuovere e valorizzare”.

Tanti i musei comunali e gli spazi d’arte aperti a Pasqua e Pasquetta.

Numeri da record anche per il Politeama Garibaldi. Ben 750 visitatori hanno scelto il teatro progettato da Giuseppe Damiani Almeyda e inaugurato nel 1877. I turisti hanno particolarmente apprezzato lo scorcio prospettico della Quadriga bronzea del Rutelli, con i cavalli che sembrano scalpitare fra le nuvole.

“Il Politeama si conferma come uno dei monumenti più belli e attraenti della città – dice il presidente del CdA della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, Stefano Santoro – Abbiamo da poco varato un piano che prevede la cessione di tutti gli spazi sia interni che esterni per convegni, congressi e feste”.