Ancora una volta DEPORTAZIONI di cani dal Comune di Palermo direzione Caserta.
Ancora una volta, l’ Amministrazione Comunale effettua operazioni in gran segreto in barba alla trasparenza che tanto è cara al “Nostro” Sindaco Leoluca Orlando”.

Lo scrivono in una nota le associazioni Lida Palermo, Oipa Palermo, Enpa Palermo, Lega del Cane Palermo, Ada, Ugda Palermo Uada Palermo, Felici nella coda Onlus, I canuzzi di Marzia e Maria Onlus, Rifugio lo Scodinzolo Palermo, C.A. A. Sicilia.

Spiegano le associazioni: “Ieri pomeriggio sono partiti solamente otto cani direzione Campania, proseguendo il bando a somministrazione tanto discusso a suon di diffide ed interrogazioni in Consiglio.
Il personale del Comune ha praticamente blindato il canile con Polizia di Stato, Vigili urbani, Polizia Antisommossa, Carabinieri e nessun animalista presente per scelta, avevamo intercettato il furgone della ditta appaltatrice al Foro Italico e questa volta preferiamo andare dritti in Procura.
Siamo stanchi dei soprusi e dell’arroganza – proseguono le associazioni – come se in una città come Palermo tutti quegli Uomini di Stato non servissero altrove, visto lo svolgimento pacifico dell’operazione, ripetiamo nessun animalista presente! Addirittura il furgoncino adibito a trasporto cani era scortato dalla Polizia”.

“Ancora una volta – concludono le associazioni – sottolineiamo il numero dei cani partiti ovvero otto (solo tre gabbie libere come se si fosse salvata la situazione d’emergenza) a differenza dei venti previsti come clausola essenziale del bando, ci chiediamo di chi sia la firma di questo provvedimento se dell’Assessore, del nuovo Dirigente o di un sotto facente funzione. Una cosa è certa, nessun dialogo futuro, tutto verrà girato in Procura“.