I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Piazza Verdi hanno effettuato un controllo del territorio predisponendo un servizio volto alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti ed hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacenti, nel quartiere “Capo”, Alessio Taormina, 23 anni ora sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora.

Dopo averlo notato effettuare dei movimenti sospetti in  piazza Sant’Anna, lo hanno fermato ed identificato, rinvenendo quattro dosi di cocaina per un peso complessivo di un grammo, 17 dosi di marijuana per un peso complessivo di 22 grammi e 22 dosi di hashish per un peso complessivo di 44 grammi, il tutto occultato all’interno di un tombino e la somma contante di 53 euro ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio.

Sia la sostanza stupefacente che il denaro sono stati posti a sequestro. L’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale “Pagliarelli” in attesa della convalida.

Controlli sono stati effettuati anche nel quartiere “Vucciria”, dove i militari hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Luigi Abbate di 24 anni

I carabinieri, dopo aver notato, anche in questo caso, movimenti sospetti, fermavano un giovane 21enne che usciva dall’abitazione di Abbate, trovandolo in possesso di 2 dosi di crack, motivo per cui veniva, poi, segnalato quale assuntore di sostanze stupefacenti per scopi non terapeutici al locale ufficio territoriale del governo.

Scattava la perquisizione nell’abitazione di Abbate, dove i carabinieri hanno rinvenuto 252 dosi di crack per un peso complessivo di 47 grammi; 71 dosi di cocaina per un peso complessivo di 17 grammi e 4 involucri di cocaina per un peso complessivo di 63 grammi 63 circa oltre alla somma contante di 155 euro, ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio. Sequestrati anche 3 bilancini di precisione.

L’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale “Pagliarelli” in attesa della udienza di convalida.