Da domani sino al 21 giugno una delegazione estera visiterà la Sicilia per scoprire le eccellenze regionali del restauro. La Sicilia si conferma come riferimento internazionale per il restauro.

Nell’isola operano alcune fra le più autorevoli aziende del settore, esecutrici di importanti interventi in numerosi siti archeologici, monumentali e culturali nel mondo. L’eccellenza siciliana è al centro del corso di formazione organizzato dall’Istituto per il Commercio Estero, attraverso i fondi messi a disposizione dal ministero dello Sviluppo economico e in collaborazione con Assorestauro.

Da domani 20 giugno sino a venerdì 21 giugno sarà in Sicilia una delegazione estera per conoscere le tecniche di restauro adottate, i materiali innovativi e le tecnologie impiegate, a oggi ritenute fra le più evolute in questo ambito. La delegazione è composta da operatori del settore provenienti da 10 Paesi quali: Israele, Russia, Kosovo, Malta, Usa, Canada, Libano, Turchia, Francia e Bulgaria.

In particolare, arriveranno in Sicilia anche rappresentanti dei musei più importanti, dirigenti ministeriali e esperti in beni culturali di queste nazioni. Il tour inizierà il 20 giugno a Palermo, con la visita alla chiesa di Santa Maria degli Angeli, all’Orto Botanico, al convento di Sant’Antonino, alla Paleopolis di Piazza Sett’Angeli e al Duomo di Monreale. Il 21 il giro proseguirà nell’ennese alla villa romana di Philippianus in contrada Gerace, a quella del Casale di Piazza Armerina e infine a Siracusa al Castello Maniace.