“Siamo felici di aver ricevuto la nota del ministero dell’Interno che attesta l’idoneità della nostra richiesta con la conseguente accettazione del nostro simbolo ‘De Luca Sindaco d’Italia, Sud chiama Nord’. Non avevamo dubbi”. Il presidente di Sud chiama Nord Ismaele La Vardera commenta coì la notizia della convalida del simbolo.

La Vardera su Giarrusso

Un passaggio La Vardera lo dedica anche alla notizia del ritiro del simbolo presentato da Dino Giarrusso. “Apprendiamo – prosegue La Vardera – che il tentativo, oserei dire maldestro, di chi ha depositato il simbolo ‘Sud chiama nord’ senza averne titolo non ha sortito l’effetto sperato. Chi pensava di danneggiarci, a quanto pare avendo capito l’errore commesso, è ritornato sui suoi passi ritirando il simbolo “Sud Chiama Nord, Giarrusso. Adesso siamo pronti per essere giudicati dai nostri elettori in tutta Italia. ‘De Luca sindaco d’Italia, Sud chiama Nord’ sarà infatti presente in tutta Italia. Siamo certi che il “progetto Sud Chiama Nord” avrà il massimo sostegno non solo in Sicilia ma in tutto il mezzogiorno d’Italia”.

Il “divorzio” tra De Luca e Giarrusso

Ad inizio agosto, il matrimonio fra l’ex iena ed ex 5 stelle Dino Giarrusso e l’aspirante sindaco di Sicilia Cateno De Luca si è sciolto. L’unione è durata davvero poco. Il leader di Sicilia Vera ha annunciato su Facebook la separazione per divergenza di opinioni sulla candidature.

“Non c’è niente di male, capita in politica di avere opinioni diverse ma è meglio separarci adesso prima di cose eclatanti quindi ho scelto così” ha detto con pacatezza Cateno De Luca nell’annunciare sui social la separazione. Alla base di tutto ci sarebbero proprio le scelte sui candidati da mettere in campo e sulla divisione dei collegi anche in vista del progetto nazionale di Sud Chiama Nord. Una divisione che inizia a prendere corpo dopo che de Luca ha chiuso l’accordo sulla Calabria e si avvia ad una tre giorni romana.