La Regione finanzia la realizzazione di nuove “vie di fuga” da utilizzare in caso di emergenza e calamità naturali. La giunta regionale ha approvato un piano predisposto dalla Protezione civile regionale stanziando 27 milioni per opere in dieci Comuni dell’Isola. Gli interventi copriranno tutte le nove province oltre all’ottimizzazione dell’accesso al Centro regionale della Protezione civile per la Sicilia orientale che si trova a San Giovanni La Punta.

Lavori previsti a Siculiana,  in provincia di Agrigento (manutenzione straordinaria del ponte sul “Fosso delle Canne”);  Milena nel Nisseno (messa in sicurezza strada provinciale 152, Racalmuto-Milena. Realizzazione nuovo tratto stradale di m 600 in località Cozzo Tondo); Militello in Val di Catania (ripristino viabilità interrotta sulla strada provinciale 99 del Loddiero, dalla strada provinciale 28 fino al Territorio di Scordia e San Giovanni La Punta, in provincia di Catania (allargamento tratto di strada comunale “via Taormina” in corrispondenza dell’elisuperficie realizzata nell’ambito del Programma regionale di rete infrastrutture eliportuali).

Interventi anche a Troina nell’Ennese (sistemazione attraversamento del fiume Troina lungo la trazzera Troina-Cesarò con realizzazione di un ponte di seconda categoria); Caprileone in provincia di Messina (progetto per il collegamento allo svincolo autostradale alla strada statale 113); Valledolmo nel Palermitano (sistemazione e ampliamento della strada comunale esterna collegante la Provinciale 13 con la comunale Rinella); Ispica in provincia di Ragusa (completamento via di fuga sud); Ferla nel Siracusano (lavori di completamento della strada Grottalle, come via di fuga del centro abitato); Buseto Palizzolo in provincia di Trapani (manutenzione straordinaria della strada comunale via Marsala, interessata da un movimento franoso, messa in sicurezza e mitigazione rischio idrogeologico).

“Prevenire – dice Musumeci – è sempre meglio che curare. Stiamo intervenendo perché siamo ben consci degli alti rischi che alcune aree del nostro territorio corrono, da quello vulcanologico a quello industriale, da quello degli incendi boschivi a quello sismico, a quello idrogeologico. E nell’ultimo anno e mezzo non è mancato nulla. Farsi trovare impreparati, in caso di catastrofi naturali o eventi calamitosi, sarebbe da incoscienti”.