A Palermo un corteo di mattina e la presentazione di un libro sulla Resistenza nel pomeriggio caratterizzeranno la giornata del 25 Aprile, in cui si festeggia la Liberazione. La Cgil Palermo, con Anpi e all’Arci, ha organizzato la manifestazione del 25 aprile a Palermo prevedendo, tra l’altro, un corteo che partirà dal Giardino Inglese alle ore 10 per raggiungere Piazza Verdi. Mentre il ministro Matteo Salvini sarà in missione a Corleone, Bagheria, Monreale e Caltanissetta, a Palermo i partigiani e gli antifascisti si danno appuntamento per festeggiare la giornata dedicata alla Resistenza.

“Assieme a tante associazioni – dichiara il segretario generale Enzo Campo – abbiamo condiviso l’importanza della festa di Liberazione, in un momento in cui i valori di libertà, giustizia, solidarietà, uguaglianza e pace, vengono messi in discussione in Italia come in Europa da forze antidemocratiche e sovraniste”.

“In questa giornata di festa e di lotta –  scrivono Cgil Palermo,  Anpi Palermo “Comandante Barbato” e  Arci Palermo, nel documento comune in cui lanciano un appello alla partecipazione – noi ci mobilitiamo  non solo per fare memoria e testimonianza, ma per continuare la battaglia culturale e sociale insita nel messaggio della Resistenza e della Liberazione contro quanti lavorano alla regressione e riduzione dello spazio democratico, per affermare l’impegno per i principi di libertà, giustizia sociale e solidarietà e il riconoscimento dell’antifascismo e della democrazia come valori comuni e doveri sociali. Chiamiamo tutte e tutti, giovani e anziani, donne e uomini, cittadine e cittadini di oggi e di domani, tutte le forze che si riconoscono nei valori dell’antifascismo, a scendere in piazza ed essere partigiani e partigiane”.

Il programma prevede alle ore 9 al Giardino Inglese la deposizione delle corone di fiori per i martiri di Cefalonia. Alle 10 la partenza del corteo che percorrerà le via Libertà e Ruggero Settino per arrivare alle 12 davanti alla scalinata del Teatro Massimo. Alle 17.30, nella sede di Arci Porco Rosso, a Casa Professa, presentazione del libro “I siciliani nella Resistenza”, edizioni Sellerio.  Intervengono: Luciana Sgrena, giornalista, Enzo Campo, segretario generale Cgil Palermo, Carlo Verri, co-curatore del libro. Coordina Mario Azzolini.

Anche a Bagheria la Cgil scende in piazza per festeggiare il 25 aprile con una manifestazione. L’iniziativa è organizzata dal comitato di cittadinanza solidale Barca, nato dopo l’aggressione razzista a un giovane nigeriano, Fredrick Omonzokpia, avvenuta a fine agosto a Bagheria. Del comitato Barca fanno parte, oltre alla Cgil Bagheria, diverse sigle tra cui il circolo Arci Bocs di Bagheria, l’Anpi Palermo, il centro Pio La Torre, la Cisl, la gioventù francescana.

L’appuntamento è a piazza Messina-Butifar, dalle 10 alle 13. “Ricordare questa data – dicono gli organizzatori – è ricordare tutto ciò che fa di noi un Paese e che purtroppo viene troppo spesso dato per scontato: lavoro, diritti, libertà, cultura solidarietà, accoglienza e l’importanza, da sottolineare, dei valori etici e morali.

“La Camera del Lavoro di Bagheria – dichiara la responsabile, Adele Cinà – sarà in piazza – assieme a tutti coloro che vogliono festeggiare la Liberazione dal fascismo e a chi sta dalla parte della Costituzione e dei sui valori. I nostri temi saranno quelli del lavoro e dei diritti, che la crisi economica ha messo in discussione. E manifesteremo distanza e condanna invece per tutte quelle pratiche politiche che cercano di sminuire il patrimonio di valori che la Resistenza ci ha lasciato e per chi soffia sul fuoco del sovranismo e del razzismo”.

“Il nostro orizzonte – aggiunge Adele Cinà – è anche sovranazionale e nell’imminenza delle elezioni europee auspichiamo un Parlamento che guardi a una Europa sociale, dei diritti, contro il dumping sociale e la concorrenza sui salari. Manifestare a Bagheria serve anche a fare memoria perché questo territorio ha avuto il suo partigiano, Gianni Mineo, che salvò da una strage nella Chiassa di Arezzo 209 civili. Ai suoi familiari il 24 aprile a Roma verrà consegnata la medaglia al valor militare”. In arrivo numerose adesioni da parte di altre associazioni.