La banda degli Spaccaossa a processo. Si è aperto ieri il procedimento penale nei confronti di una parte degli imputati dell’inchiesta che ha fatto luce su presunti casi di truffa alle assicurazioni mediante finti incidenti stradali ma con vittime vere alle quali sarebbero state inflitte anche torture pesantissime.

Quello che si è aperto ieri mattina davanti al gup del tribunale di Palermo è uno dei tanti filoni del processo che vede imputate 33 persone e che ieri si sono presentate per l’udienza preliminare. Almeno in 10 opteranno per il rito abbreviato che consentirà loro, se condannati, di ottenere uno sconto di pena. In aula c’erano anche i legali di numerose compagnie assicurative costituitesi parte civile. La formalizzazione delle richieste, come riporta il Giornale di Sicilia, è slittata però alla prossima udienza che si terrà all’inizio di novembre.

Gli imputati a processo sono quelli dell’operazione Over eseguita dai carabinieri il 15 maggio scorso. Si tratta dell’ultima presunta truffa alle assicurazioni scoperta nell’ambito di una più ampia inchiesta sugli “spaccaossa” di Palermo. Una maxitruffa organizzata che è stata posta in essere grazie alla complicità di vittime più o meno compiacenti, disposte a subire torture, amputazioni e rottura di ossa talvolta anche per poche centinaia di euro. Era il gruppo di truffatori, secondo la Procura, che intascava la porzione più cospicua dei risarcimenti elargiti dalle assicurazioni. L’inchiesta Over è la prima delle altre operazioni – Tantalo, Tantalo bis e Contra Fides – che arriva in udienza preliminare.

I NOMI DEGLI IMPUTATI

Domenico, Giuseppe e Salvatore Andrea Cintura, Antonino Buscemi, Giovanni Viviano, Alessandro Bova, Giuseppe Orfeo, Luca Reina, Vito Virzì, Alessio Cappello, Leonarda Amato, Rita Arceri, Giovanni Napoli, Soufiane Saghir, Claudio Baglione, Giuseppe Monti, Manlio Lo Piccolo, Concetta Di Carlo, Silvestro Lo Sasso, Francesco Tosco, Salvatore Chiodo, Letterio Maranzano, Giuseppe Bondini, Cristian Neri, Francesco Mutolo, Giuseppe Gallo, Giovanni Salvatore Norfo, Giovanni Armanno, Angelo Lo Pinto, Salvatore Fasullo, Davide Giammona, Giovanni Calì, Francesco Dragotto, Giovanni Zinna, Franco Arnone, Domenico Celesia, Davide Mendola e Cristofaro Vincenzo Renna.