Si è già insediato il nuovo sovrintendente della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana Antonino Marcellino che ha già incontrato l’Orchestra. Il nuovo rappresentante della Fondazione della Orchestra sinfonica siciliana è stato nominato ieri dal cda, presieduto da Stefano Santoro. Marcellino succede a Ester Bonafede la cui nomina è stata revocata dal cda il 17 giugno scorso.

Un lungo applauso ha salutato l’arrivo al Politeama Garibaldi del nuovo sovrintendente dell’Orchestra Sinfonica Siciliana, nominato ieri dal cda. Catanese, 57 anni, docente di musicologia all’Università di Roma, Marcellino non ha nascosto la sua emozione. “Era la stessa emozione che mi guidava nel leggere questo nome quando per undici anni mi sono trovato al Fondo Unico dello spettacolo, a decidere i finanziamenti per gli enti musicali. Un’orchestra che ha una storia, l’orchestra di Ottavio Ziino e Celibidache.”

Marcellino si è già insediato. “Ho già preso casa a Palermo, grazie a tanti amici, sarò sempre in sede, sette giorni su sette. E agli studenti che devono laurearsi e hanno scelto di fare la tesi con me ho già consigliato di fare tappa a Palermo per completare il loro percorso di studi”.  Accompagnato dal presidente del CdA, Stefano Santoro, Marcellino ha poi seguito parte delle prove d’orchestra del prossimo concerto che sarà guidato da Nicola Marasco. “Quest’Orchestra deve riprendere a girare per il mondo – ha detto il presidente Santoro, dev’essere motivo di orgoglio per tutta la Sicilia”.