Lo hanno trovato i sommozzatori dei Vigili del fuoco oggi dopo tre giorni di ricerche. Era incastrato in una delle grotte di quell’area. ce ne sono tante sottomarine. Il mare restituisce i resti del marocchino Mounir Chouaib, 18 anni, che sabato si era tuffato dalla scogliera dell’Addaura all’altezza di “Acapulco” a Palermo. Del ragazzo si erano perse le tracce subito dopo quel tuffo. inutile la ciambella che i suoi amici gli avevano gettato. Inutile il tuffo di una ragazza che era con lui che ha cercato di recuperarlo.

Per tre giorni sono stati impegnati i mezzi della Capitaneria di porto e i vigili del fuoco (il video delle ricerche).

Impegnati anche i sommozzatori dei pompieri che alla fine, oggi, lo hanno trovato. Domenica erano stati recuperati i pantaloncini.

Chouaib era andato, insieme ad alcuni amici, nella zona dello stabilimento balneare La Marsa. Giovano a tuffarsi dalla scogliera.

Dopo il tuffo da riva, vedendo che era in difficoltà, gli hanno lanciato una ciambella e una ragazza si è buttata in mare per cercare di recuperarlo, ma invano. La Capitaneria di porto è riuscita e trarre in salvo la ragazza.

Il corpo è stato riportato a riva su un gommone dei vigili del fuoco. Adesso si dovranno eseguire le tristi procedure previste dalla legge prima di restituire la salma alla famiglia