Prende il via l’iter per l’aggiudicazione della gestione dell’ippodromo di Palermo. Questa mattina è stata pubblicata, a firma della dirigente Rosa Vicari, la determina del Settore delle Risorse Immobiliari del Comune con cui viene indetta la gara per la gestione dell’impianto sportivo di Viale del Fante e delle strutture in esso ospitate, compreso il ristorante. Il documento sarà pubblicato nei prossimi giorni in Gazzetta Ufficiale.

Con questo atto l’amministrazione Orlando cerca di trovare un concessionario con il criterio del massimo rialzo. Il canone è stabilito in 174 mila euro annui oltre Iva. L’impresa che si aggiudicherà la gara riceverà in gestione l’ippodromo per sei anni, rinnovabili e, si precisa nel documento, saranno a carico del concessionario le spese di manutenzione ordinaria. Sarà, invece, il comune di Palermo a sostenere le spese per eventuali interventi di manutenzione straordinaria o di miglioria. Lavori che dovranno comunque essere approvati dall’amministrazione.  L’impresa aggiudicataria riceverà in gestione anche l’area ristorante dell’ippodromo e potrà decidere di subappaltare l’attività con il placet del Comune.

Su indicazione del sindaco Leoluca Orlando e dell’assessore al Bilancio, Roberto D’Agostino, nel contratto sarà inserita una “clausola sociale” che obbliga il concessionario, compatibilmente con le attività d’impresa previste, “ad assorbire  prioritariamente nel proprio organico il personale già operante alle dipendenze del precedente concessionario, garantendo l’applicazione dei contratto collettivo nazionale di settore.”

Una volta pubblicata in Gazzetta, la gara prevede 30 giorni per la formulazione delle offerte, che potranno essere fatte solo previo sopralluogo obbligatorio alla struttura e ai fabbricati annessi. “Speriamo – afferma l’assessore D’Agostino – che questa procedura rimetta in moto la possibilità di fruizione dell’ippodromo al più presto, in modo da poter riprendere le attività sportive in tempo per la prossima stagione e poter quindi fruire del contributo ministeriale”.  Per il sindaco, il bando rappresenta “un “nuovo inizio” per la vita dell’ippodromo non soltanto per la ripresa dell’attività delle corse e per gli appassionati di questo sport, ma anche per la possibilità di aprirlo ad altre manifestazioni ed attività, rendendolo fruibile e fruito dai cittadini e dai turisti. E’ anche importante che si sia introdotta la clausola sociale, perché i lavoratori dell’impianto hanno già subito un gravissimo contraccolpo dal momento della chiusura”.