Arriva una boccata di ossigeno per agli agricoltori e ai pastori siciliani messi in ginocchio dalle continue calamità naturali degli ultimi mesi. Alla Camera è stato approvato un provvedimento che prevede aiuti e incentivi economici per il comparto agricolo e caseario.

Il cosiddetto “Decreto emergenze agricole”, appena approvato in Parlamento, introduce norme importanti per il settore ovino-caprino e agrumicolo della Sicilia. La norma viene incontro alle esigenze di numerosi operatori della regione siciliana. A renderlo noto sono i parlamentari siciliani M5S in commissione Agricoltura, Rosalba Cimino, Antonio Lombardo, Maria Marzana, Dedalo Pignatone.

“Il provvedimento approvato alla Camera – affermano i deputati – stanzia 10 milioni di euro per il 2019 destinato a sostenere i contratti di filiera e promuovere gli interventi di regolazione dell’offerta di formaggi ovini Dop, in modo da favorire la competitività nel settore. Con altri 5 milioni di euro si copre poi il costo degli interessi sui mutui bancari contratti entro il 31 dicembre 2018. Un importante intervento per il settore lattiero-caseario è il sistema di monitoraggio e tracciabilità del latte prodotto, che consentirà di tenere sotto controllo le dinamiche della domanda e dell’offerta insieme a quelle dell’import-export e ai quantitativi della produzione”.

L’attenzione del Movimento 5 Stelle e del governo si è concentrata anche sul settore agrumicolo. Ogni produttore, infatti, vedrà coperti i costi sostenuti per gli interessi dovuti per il 2019 sui mutui bancari contratti entro il 2018 in misura commisurata alla produzione degli ultimi tre anni, anche in questo caso per un ammontare complessivo di 5 milioni di euro.

“A ciò – concludono –  si aggiunge l’incremento di 20 milioni di euro per il 2019 della dotazione del Fondo di solidarietà nazionale-interventi indennizzatori, finalizzato a sostenere e promuovere i settori agroalimentari in crisi. Sappiamo che in Sicilia e nel Paese sono tante le emergenze da risolvere e con il ministero dell’Agricoltura siamo già al lavoro per affrontarle e superarle. La nostra attenzione continuerà ad essere massima e costante: siamo e continueremo ad essere accanto agli agricoltori e ai pastori siciliani”.