Una rappresentazione della Natività del Signore suggestiva ed emozionante, per la passione con la quale è stata realizzata, l’impegno e l’amore per ogni angolo della città.

Torna a Palermo per il 33esimo anno consecutivo il “Presepe in Piazza” del Maestro Giuseppe Bennardo, allestito per l’edizione 2019 nella Grotta del Ninfeo, che si trova in via Scalo Vecchio all’Arenella, presso la Lega Navale Italiana sezione Arenella.

L’inaugurazione si terrà domani a partire dalle 17. Sarà possibile visitare gratuitamente il presepe, sia la mattina che il pomeriggio, sino al 6 gennaio.

Organizzatori dell’evento, che certamente riconfermerà il successo di pubblico delle scorse edizioni, sono la Lega Navale Italiana, l’associazione Nuova Quattro Pizzi, l’associazione Antonino Caponnetto Onlus, l’Ampi Palermo Arenella, in collaborazione con la parrocchia Sant’Antonio da Padova dell’Arenella. Entusiasti per l’iniziativa i presidenti della associazioni coinvolte, Salvatore Barraco della Lega Navale Italiana, Filippo Tarantino della onlus Caponnetto, Giovan Battista Lo Iacono dell’associazione Nuova Quattro Pizzi, e ancora, Daniele D’Accardi dell’Ampi Palermo e il parroco Francesco Di Pasquale.

L’allestimento del presepe è iniziato a fine ottobre. Un lavoro lungo, paziente e certosino, nel quale nessun dettaglio è stato trascurato. Lo conferma il Maestro Giuseppe Bennardo, che dal 1987 realizza il suo “Presepe in piazza”, un regalo alla città ed ai palermitani da parte di un artista sensibile e amante delle tradizioni e che spiega subito il suo obiettivo: “Il Presepe è l’occasione per rivalutare i quartieri della città di Palermo. Quest’anno è stata scelta la borgata marinara dell’Arenella. La risposta degli abitanti è stata straordinaria, non solo adesso, ma in tutti questi lunghi anni del Presepe in Piazza. Ogni volta sono stato aiutato dai palermitani dei vari quartieri, e ho potuto usufruire della loro preziosa collaborazione. E’ il loro entusiasmo che permette di realizzare il Presepe in Piazza”.

I pezzi del presepe, più di un centinaio, sono tutti realizzati in terracotta dal Maestro Bennardo e poi rivestiti di stoffa. Utilizzati per l’allestimento anche pietre, muschio, legno, terra.
Spiega ancora Bennardo: “Il presepe quest’anno realizzato nella grotta, di circa 130 metri quadrati, rispetta perfettamente le caratteristiche del luogo. E’ diventato un tutt’uno con il tufo frastagliato della grotta, è come se fosse scavato nella stessa e non inserito successivamente. Mi auguro che i visitatori siano molti, come ogni anno e che questa iniziativa possa contribuire a valorizzare il territorio dell’Arenella”.