E’ morto a Roma a 91 anni Piero Terracina, uno degli ultimi sopravvissuti al campo di sterminio di Auschwitz.

Quando aveva solo 15 anni Piero Terracina, nella Capitale, fu prima portato a Regina Coeli con la famiglia, nel giorno della Pasqua ebraica del 1944, poi nel campo di Fossoli, vicino a Modena, e infine in quello di Auschwitz.

In concomitanza con i funerali di Piero Terracina, il sindaco di Palermo ha disposto che a Palazzo delle Aquile e a Villa Niscemi siano esposte oggi le bandiere a mezz’asta.
Ricordando che era cittadino onorario di Palermo, Orlando ha affermato che “con la scomparsa di Terracina, la nostra città perde un uomo che ci ha fatto l’onore di essere nostro concittadino.
Uno straordinario testimone e vittima di un periodo buio della storia europea e mondiale, di fatti tragici ed inumani.
Un testimone che per tutta la vita ha scelto di raccontare gli orrori subiti, perché fossero d’insegnamento per una memoria viva contro ogni violenza, sopraffazione e razzismo.”

Il sindaco ha espresso anche alla famiglia e alla Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche in Italia Noemi Di Segni, la vicinanza della città di Palermo per la scomparsa di uno degli ultimi sopravvissuti italiani al campo di sterminio di Auschwitz.