Incontri fotografici, organizzati dalla Scuola Stabile di Fotografia di Palermo, prendono forma visiva e diventano oggetto di confronto culturale in città partire dal 26 settembre, per poi proseguire ogni ultimo martedì del mese fino a giugno 2020. Il primo appuntamento, dedicato al fotografo Sebastiao Salgado, è giovedì 26 settembre da Bar a Villa Zito dalle ore 18:30 alle ore 21:00.

“L’iniziativa – spiega Antonio Renier Saporito, direttore della scuola, docente in tecnica della fotografia e in storia e filosofia della fotografia – nasce dalla stessa filosofia della scuola, che è nata nel 2008 con lo scopo di promuovere la cultura fotografica, non solo per formare tecnicamente, ma soprattutto per trasmettere strumenti e competenze così da acquisire un codice di struttura fotografica, per diffondere la storia degli autori e per far comprendere come si è arrivati oggi alla produzione di alti livelli di bellezza”.

Si comincerà proprio con l’arte fotografica di Sebastiao Salgado, colui che è, a buon motivo, ritenuto il maggior autore vivente di reportage fotografico. Durante l’incontro la sua arte sarà presentata dallo stesso docente e direttore Saporito: “Lavorando nel campo delle immagini, spesso ci si rende conto del fatto che le stesse non si sappiamo leggere, se non istintivamente. Mancano le informazioni culturali per poterlo e per saperlo fare. Gli incontri si svolgeranno ogni mese e ci sarà il coinvolgimento degli stessi fotografi in qualche occasione, che racconteranno essi stessi la loro espressione artistica. Durante l’appuntamento ci saranno proiezioni, illustrazioni delle opere e degli autori e dibattiti per un confronto conclusivo. La cultura è l’unico bene dell’umanità che più si divide con gli altri e più cresce”. Nel corso dei mesi è prevista la presenza di grandi fotografi italiani e internazionali.