Una vita dedicata alla cura degli altri. Un uomo di grande sensibilità e acume, un innovatore, una guida e mentore per centinaia di medici italiani.

Lutto nel mondo della chirurgia. E’ morto all’età di 91 anni il professore Antonino Rodolico, docente emerito dell’Università di Palermo.
La notizia viene riportata dal Giornale di Sicilia di oggi.

Rodolico è spirato circondato dai suoi cari, i figli Margherita, odontoiatra, e Vito, docente di Anatomia patologica al Policlinico, i nipoti, e la moglie, Piera Buttitta, pediatra.

Il professore Rodolico è stato punto di riferimento nel mondo scientifico e considerato il fondatore della chirurgia d’urgenza in Italia negli anni Settanta. Aveva ricoperto le presidenze di cinque società mediche italiane, quella di Chirurgia d’urgenza e del trauma, quella di Chirurgia geriatrica, quella di Chirurgia dell’apparato digerente, la Società di Endocrinochirurgia e quella di Fisiopatologia chirurgica.

Chi lo ha conosciuto ricorda la sua innegabile umanità nei confronti dei pazienti e degli studenti. A Natale aveva partecipato alla messa celebrata al Policlinico di Palermo, in occasione della quale aveva tenuto un discorso rivolto a medici e specializzandi ai quali raccomandava sempre di agire con coscienza, di fare tutto il possibile per curare e salvare i pazienti, di essere medici ma anche uomini, di tenere in considerazione l’emotività e la sofferenza di chi ripone in un camice bianco tutte le sue speranze.

I funerali del professore Rodolico saranno celebrati domani, alle 10,30, nella parrocchia di Maria Madre della Chiesa, in piazza San Marino a Palermo.