Tatto, udito, olfatto, gusto, vista: cinque sensi per gustare una cena. L’11 dicembre 2019 alle 20.30, il cuoco Massimiliano Sala metterà in scena una cena esperienziale a scopo di beneficenza.

Un percorso enogastronomico sensoriale ideato in collaborazione con la conduttrice Eliana Chiavetta dallo stesso cuoco, che vuole risvegliare la percezione totale del gusto attraverso l’utilizzo dei cinque sensi. Parte del ricavato della cena sarà devoluto in beneficenza alla comunità per minori “La Rosatea”.

Ad ogni portata un senso diverso. Dagli antipasti al dolce, passando per i primi, i secondi e la degustazione di vini.

Un’esperienza enogastronomica che Massimiliano Sala vuole far vivere in maniera originale, chiedendo agli ospiti di mettersi in gioco e gustare le pietanze utilizzando un solo senso alla volta.

Vietato chiamarlo chef. Massimiliano Sala si definisce infatti un cuoco per passione. Un amore, quello per la cucina, che ha deciso di far diventare un lavoro, abbandonando una carriera professionale lontano dai fornelli lunga 25 anni: “Così ho trovato il giusto equilibrio tra lavoro e passione – dice Massimiliano Sala -. La mia cucina è legata alle tradizioni siciliane, alla ricerca del gusto dimenticato ed è proprio da questo che nasce l’idea del percorso sensoriale. La maggior parte delle persone mangia velocemente, avvalendosi soltanto della vista, senza considerare gli odori o senza gustare i sapori”.

Protagonisti dei piatti di Massimiliano sono colori, odori e sapori mescolati con estro nella loro semplicità.

Ad accompagnare gli ospiti durante il percorso sensoriale, sarà la conduttrice Eliana Chiavetta: “Sono molto felice – dice – perché grazie a Massimiliano per la prima volta ho avuto l’opportunità di stare al fianco di un cuoco sin dai primi momenti di costruzione di un menù, bilanciando la struttura narrativa della serata con gli ingredienti giusti. Un bel viaggio ricco di spunti di riflessione e confronti, adesso non vedo l’ora di raccontarlo a tutti gli amanti della cucina che vorranno vivere insieme a noi questa bella avventura polisensoriale”.

Lo spettacolo enogastronomico sensoriale sarà anche una cena solidale: “Per questo motivo – spiega il Movimento Cristiano Lavoratori, partner dell’evento – siamo lieti di partecipare. Apprezziamo il pensiero nobile di Massimiliano Sala, il suo voler dare una voce a chi non l’ha, devolvendo in beneficenza parte dell’incasso della serata”.

La cena esperienziale a scopo di beneficenza sarà ospitata all’interno del “Mercato Excelsior”, una struttura degli anni ’20 in stile liberty nata come Teatro Excelsior e, nell’immediato dopoguerra sede dello storico Supercinema Excelsior.