Un uomo è morto a Palermo dopo essere stato ferito ad una coscia da colpi d’arma da fuoco. Francesco Paolo Lombardino, di 47 anni, carpentiere palermitano era a casa in via Zumbo al Cep.

Secondo il racconto dei familiari sarebbe sceso per strada per controllare la macchina parcheggiata e sarebbe stato raggiunto dai colpi che hanno provocato un’emorragia.

I familiari hanno portato il ferito all’ospedale Cervello e qui i medici hanno chiamato la polizia. Le indagini sono condotte dalla squadra mobile.

Dalla scorsa notte sono stati sentiti diversi parenti del carpentiere di 47 anni ucciso a Palermo nel quartiere Cep. Gli uomini della squadra mobile stanno ricostruendo quanto avvenuto nei pressi di via Zumbo.

I parenti hanno indicato un’altra strada dove sarebbe avvenuto il ferimento. Ma qui i poliziotti non hanno trovato nessuna traccia di sangue.

Secondo una prima ricostruzione l’artigiano incensurato potrebbe essere rimasto vittima di una lite di vicinato. Non è esclusa neppure la rissa tra parenti.

I familiari hanno raccontato che l’uomo si trovava a casa e sarebbe sceso per controllare l’auto. Una versione questa ritenuta poco credibile.