Operazione dei carabinieri del comando provinciale. Nel corso della notte sono stati fermati i capi e i gregari che appartengono al mandamento di San Mauro Castelverde roccaforte di cosa nostra nelle Madonie.

Ecco l’elenco degli indagatI nell’operazione Alastra dei carabinieri del comando provinciale. Gioacchino Spinnato detto “Iachino”, Tusa (Me) 68 anni, Giuseppe Farinella 27 anni, a Palermo; Domenico Farinella, detto Mico, nato a San Mauro Castelverde 60 anni, a Voghera (PV); Giuseppe Scialabba, 35 anni residente a Finale di Pollina; Francesco Rizzuto, 51 anni, Palermo, Mario Venturella, 57 anni, Palermo, Antonio Alberti, 46 anni, Castel Lucio, Rosolino Anzalone, 56 anni, Palermo, Vincenzo Cintura, 47 anni, Palermo, Pietro Ippolito, 60 anni, Campofelice di Roccella (Pa), Giuseppe Antonio Dimaggio, 63 anni, Tusa.

Una cosca chiusa e impenetrabile come il fiore Alastra, che da il nome all’operazione, secondo i carabinieri quella di San Mauro Castelverde. “Perché sono i numeri uno. Come loro come tutti quelli che ci sono stati. Compreso mio padre. Qua nessuno si pente compà, San Mauro numero uno, perché mi voglio vantare, San Mauro è Corleone”, dicevano intercettati gli indagati. Nonostante gli arresti hanno continuato a vessare imprenditori e commercianti. I carabinieri hanno anche  sentito in diretta il sistema estorsivo messo in atto dal clan. “Ci vai incazzato, tanto io sono qua non ti preoccupare. Se lui ti dice eh, allora gli dici quanto devo venire? Ci servono subito (ndr i soldi) tanto li ha trovati, ci servono tutti”.