Riprende la danza del salvataggio del Palermo Calcio. Dopo la smentita di ieri con la quale la famiglia Mirri comunicava di essersi tirata fuori dalla trattativa e comunque di non essere interessata a rilevare il Palermo ma solo la gestione della pubblicità e marketing della squadra, nella serata di ieri la situazione sembra cambiata di nuovo.

Con grande senso di responsabilità, animata dall’unico intento di salvare le sorti della squadra alla quale è profondamente legata, la famiglia Mirri ha deciso sabato pomeriggio di non sottrarsi all’invito della società Palermo Calcio a riprendere le trattative finalizzate a trovare una soluzione che eviti la penalizzazione in classifica e consenta di definire con serietà e serenità un nuovo ambizioso progetto sportivo.

In quest’ottica la Damir srl ha accettato di assumere dei rischi che vanno ben oltre le logiche imprenditoriali, riducendo le proprie richieste ai limiti del ragionevole e rendendosi disponibile a procedere all’immediato versamento delle somme (per un importo pari a 2,8 milioni netti) occorrenti per evitare la penalizzazione.

Il tutto a fronte delle possibilità di ottenere un contratto commerciale di affidamento della pubblicità di durata quadriennale, con pagamento anticipato del canone e garantendo pure un sistema di royalties legate ai volumi di fatturato raggiunto (in un contesto nel quale è la Palermo Calcio stessa ad aver dichiarato che gli introiti pubblicitari sono pari ad 1.070.000,00 di euro annui lordi).

Tale rischio, come dimostrano le difficoltà, le incertezze e le criticità emerse nelle numerose trattative precedentemente fallite, si era pronti ad accettare senza certezza alcuna sulla sopravvivenza allo stato della società Palermo Calcio e sulla effettiva possibilità di conseguenza di poter usufruire degli spazi pubblicitari per i quattro anni previsti nella bozza di contratto.

Nonostante ciò, nonostante la disponibilità dimostrata dalla famiglia Mirri, la società Palermo Calcio ha ancora una volta improvvisamente comunicato di voler sospendere le trattative, avendo notizia dell’interessamento di un fondo americano o di altri potenziali acquirenti pronti a offrire condizioni strabilianti.

L’augurio della famiglia Mirri, come quello di tutti coloro che nutrono il medesimo attaccamento ai colori rosanero e lo stesso amore per la città di Palermo, è che gli annunciati investitori si facciano immediatamente avanti e che la società Palermo Calcio definisca l’operazione tempestivamente, affinché non solo si eviti una penalizzazione che potrebbe risultare decisiva per raggiungere il traguardo della serie A, ma si ponga fine a una mortificazione che la squadra, i tifosi e la città di certo non meritano.

LEGGI ANCHE: EVITARE IL DISASTRO DELL’86