Il Palermo non sa più vincere. Contro la Palmese, fanalino di coda del campionato dilettanti, i rosa ottengono un punto al termine di una partita a due facce e con poche occasioni. Dopo un primo tempo a ritmi bassi, nella ripresa le squadre accendono i motori ma questo non basta per rompere l’inerzia di una partita sterile.

I risultati dagli altri campi riducono di un solo punto il vantaggio del Palermo sulla seconda, che diventa quindi di otto punti sull’inseguitrice Savoia.

Protagonista in negativo la tifoseria rosanero all’interno della quale, durante l’intervallo, sarebbe scoppiata una rissa di cui non si conoscono le cause.

Malgrado il catenaccio degli avversari, i rosa partono subito forte con Santana che al terzo minuto ha sulla testa la palla buona per il vantaggio. Langella fa partire un traversone dalla destra, stacco di testa dell’argentino e palla che sfiora il palo. La Palmese si riorganizza in fretta e tra le due squadre inizia una fase di studio, con pochi sbocchi e tanti contrasti in mezzo al campo.

Al ventesimo il Palermo prova a rompere il muro. Lucera approfitta di una palla vagante e si coordina al volo lasciando partire un tiro bloccato in due tempi dall’estremo difensore. Dobbiamo attendere otto minuti per rivedere il Palermo pericoloso, e ancora una volta con Lucera che in area di rigore avrebbe la possibilità di calciare o di servire Ricciardo, ma il giocatore indugia troppo e si fa anticipare. Da qui alla fine del primo tempo il Palermo prova a imporre il suo dominio e ad affacciarsi, senza fortuna, dalle parti dell’area avversaria. Proprio allo scadere i rosa perdono Crivello per infortunio muscolare, al suo posto entra Ambro. Si va al riposo sullo 0-0, il Palermo fa molta fatica a sfondare dalle parti di una Palmese che si chiude bene dispiegando cinque uomini sulla linea difensiva.

Nella ripresa i ritmi si alzano ed escono fuori le squadre. Il Palermo parte forte come nel primo tempo e all’ottavo ci va davvero vicino. Azione insistita in attacco tra Santana e Ricciardo che dialogano col pallone, dopo svariati tentatvi a trovare il tiro è Santana ma la difesa respinge. La Palmese non ci sta e inizia a ruggire. Tre minuti dopo infatti il portiere rosa Fallani si deve superare per negare il gol ai padroni di casa, vicini al vantaggio con un tiro-cross di Trentinella. Il Palermo prova a rispondere al cambio di marcia della Palmese ma lo fa in maniera confusa. Prima ci prova con Santana ma l’argentino è in fuorigioco, poi con Lucera che tenta un tiro da posizione defilata senza impensierire il portiere. Entrambe le squadre vogliono vincere e intensificano la pressione. Col passare dei minuti si assiste a capovolgimenti di fronte continui fatti di ripartenze da una parte all’altra che, però, non servono a sbloccare il risultato di un incontro veramente equilibrato. La partite termina così a reti inviolate e le squadre conquistano un punto ciascuno. Negli ultimi due turni al Palermo sono venuti meno certi meccanismi collaudati e, di conseguenza, il gioco risulta meno fluido.