Nel corso di un incendio nel cuore del centro storico di Partinico sono andate distrutte due auto di proprietà di un sindacalista nonché ex presidente del Consiglio comunale di san Cipirello.

Le auto appartengono a Nicola Barone, 45 anni. Barone abita a Partinico ma lavora a San Cipirello dove gestisce un patronato. Attualmente ricopre nella città jatina la carica di segretario della Uil. In passato è stato anche presidente del consiglio comunale. È anche presidente della società di calcio del Castellammare ’94 che milita nel campionato di eccellenza. Barone in passato è stato vittima di altre intimidazioni.

Come riporta il Giornale di Sicilia, attorno alle 3 di notte del 20 marzo, in via Saponeria, sono state date alla fiamme la Renaut Clio e la Fiat Punto di proprietà del sindacalista. Gli autori avrebbero prima spaccato i finestrini delle due auto e poi cosparso di benzina l’abitacolo.

Hanno spento l’incendio i vigili del fuoco del distaccamento di Partinico. Sull’episodio indagano i carabinieri che non escludono al momento alcuna pista.

Il 9 marzo scorso a Partinico un altro incendio è divampato nella notte in via Bisaccia a Partinico. Le fiamme hanno danneggiato alcune auto e furgoni che si trovavano parcheggiati in un deposito di rivendite di auto e furgoni. Nei giorni precedenti, sempre a Partinico,  un altro rogo aveva distrutto due auto della Mondialpol, società di vigilanza.