La distilleria Bertolino di Partinico verso la delocalizzazione ma è polemica sui modi e sui tempi ed è botta e risposta tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. “I cittadini di Partinico, che non vedono l’ora di respirare aria fresca – dice Giuseppe Di Girolamo, componente dell’Assemblea del Pd Sicilia -, sono sicuro che ricorderanno alle prossime elezioni europee questo maleodorante balletto dei grillini sulla distilleria Bertolino”.

“Il voto sulla delocalizzazione della distilleria Bertolino – aggiunge – ha sancito la fine dei Cinquestelle a Partinico. L’astensione in consiglio comunale della pentastellata Giusi Di Capo sulla seconda variante al piano regolatore che concludeva l’iter per il trasferimento della distilleria, il no dei militanti del meet up locale e il silenzio assordante del senatore partinicese Francesco Mollame, tipico di chi, piuttosto che prendere posizione, cerca di barcamenarsi per non avere problemi, dimostrano che, oltre ad essere confusi e spaccati, i grillini su questioni importanti per il futuro delle comunità locali non sanno che pesci prendere. A Partinico così come a Roma”

Il Movimento 5 Stelle nei giorni scorsi aveva ribadito la propria posizione sulla distilleria Bertolino di Partinico. Secondo i pentastellati l’impianto deve essere trasferito altrove, a debita distanza dai centri abitati, per allontanare le emissioni maleodoranti che appesantiscono l’aria. Il 28 marzo la discussione sul tema era stata affrontata il consiglio comunale.