“E’ un momento di emersione di un dramma sociale, si tratta di persone che sono state buttate fuori dal bacino Pip, perche’ c’e’ la legge che lo dice. Stamattina hanno provato a fare emergere il loro dramma sociale, che e’ legittimo. Stiamo provando ad affrontare questo problema”.

Lo ha detto Gianluca Micciche’, assessore regionale al Lavoro, a margine dell’assemblea provinciale dell’Udc, a Palermo. Stamattina, un gruppo di ex Pip, espulsi dal bacino perche’ ex detenuti, hanno protestato, chiedendo di essere reintrodotti.

Poco piu’ di un anno fa la Regione aveva espulso 331 Pip dal bacino garantito, cioe’ dall’elenco di precari che hanno diritto a essere impiegati a spese della Regione in enti pubblici.

“Il loro reinserimento – ha aggiunto Micciche’ – dipende da un percorso normativo. La legge esistente non ci consente di farli rientrare. Stiamo lavorando per capire se ci sono le condizioni giuridiche per reinserirli, ma mi sembra molto difficile”.

(foto d’archivio)