Scoperto dalla Guardia di Finanza un altro furbetto del reddito di cittadinanza. Percepiva il sussidio e lavorava in nero in un ristorante di Carini (Pa).

E’ quanto hanno scoperto le fiamme gialle incrociando i dati sui controlli eseguiti in due ristoranti e la banca dati su quanti percepiscono il reddito. Nel corso dei controlli in due locali i militari hanno trovato nel primo caso su 18 dipendenti 11 in nero nel secondo controllo 7 su 7.

Le verifiche sono scattate dopo che i finanzieri hanno accertato che alcuni ristoranti nonostante avessero alle dipendenze numeroso personale avevano effettuato pochi versamenti Irpef.

In base alle nuove disposizioni introdotte dal Job Act la sanzione può essere pesantissima e arrivare fino a 43 mila euro per ogni dipendente in nero. Al termine dell’attività ispettiva, sono state complessivamente comminate ai due esercizi commerciali sanzioni per 44 mila euro.