Emanuele Greco è stato arrestato nel 2019 nell'operazione "ghost trash"

Il re degli imballaggi vicino a cosa nostra, confiscati beni per oltre 40 milioni

Secondo la Dda etnea l'imprenditore avrebbe "costituito un patrimonio societario e immobiliare grazie ai proventi delle attività illecite di estorsione, rapina e riciclaggio, riuscendo inoltre, tramite l'appoggio delle famiglie mafiose gelesi riconducibili a Cosa Nostra, a imporsi nel mercato degli imballaggi di cartone"