Continuano senza sosta le ricerche del motopesca Nuova Iside della marineria di Terrasini e del suo equipaggio composto da Matteo Lo Iacono di 53 anni, e del figlio Vito di 27 anni e del cugino Giuseppe Lo Iacono di 33 anni.

Da un giorno non si hanno più notizie e le condizioni meteo non aiutano gli uomini della guardia costiere che stanno battendo la zona da dove è partito l’ultimo segnale radio dell’imbarcazione. Da quel momento dal peschereccio non è arrivato più nessun segnale.

Attraverso le compagnie telefoniche la centrale della capitaneria di Palermo ha tentata la localizzazione dei telefoni Gsm presenti a brodo, ma senza negativo. Alle ricerche stanno prendendo parte due motovedetta e due elicotteri della Guardia Costiera e dell’Aeronautica militare, e un aereo che hanno perlustrato la zona interessata.

A questi si aggiunge anche la nave di ricerca oceanografica Urbano Monti, dotata di tecnologia avanzata anche per la ricerca di profondità. Inoltre, sono state coinvolte nelle operazioni diversi mercantili, in transito nella zona di mare dell’ultima posizione utile, rilevata dall’ultimo segnale radio emesso dalla strumentazione di bordo del Nuova Iside. La zona di mare pattugliata è stata via via estesa, in considerazione dei parametri meteo e delle abitudini di pesca dell’unità.

In serata, al miglioramento delle condizioni meteo, si uniranno alle attività di ricerca anche alcuni motopesca della zona di San Vito Lo Capo e Castellammare del Golfo.