Voleva farsi largo con l’auto tra i tavoli dei pub di via Chiavettieri a Palermo, zona con un’alta densità di locali e di avventori durante il fine settimana. E’ successo la notte tra sabato e domenica. Dalle parole si è passati alle mani e nella rissa sarebbero state coinvolte una ventina di persone, tra cui il titolare di uno dei pub. Di seguito la sua versione. 

“Stanotte ho rivissuto tutti i problemi che hanno sempre caratterizzato in modo negativo il mio lavoro. Premettendo il fatto che ogni sera da 3 giorni a questa parte sono sempre passate delle truppe di uomini in divisa ad intimarci di spegnere la musica appena passata la mezzanotte; non avendo avuto problemi ad accondiscendere alle loro richieste questa notte intorno alle 3, mentre il lavoro era all’apice della serata, una macchina con a bordo 2 energumeni e 3 ragazze ha pensato bene di passare in mezzo alla via Chiavettieri e dopo aver sorpassato il mio locale ha trovato difficoltà nel passare in mezzo ai tavoli del mio vicino.

Prontamente per accertarmi della situazione e ho visto che il proprietario della macchina era uscito dal suo veicolo per “farsi ragione“ nei confronti del proprietario del locale dirimpettaio che cercava di spiegargli che era in torto nel cercare di percorrere una strada pedonale. Ovviamente questo energumeno non ha nemmeno cercato di ascoltarmi e si è scaraventato sopra me e tutti gli avventori che cercavano di calmarlo.

Ora, la storia è una; è ovvio che questo sia un episodio intimidatorio per cercare di non farci lavorare, l’ennesima riprova che in questa città l’invidia è coadiuvata dalla violenza per far sì che qualcuno possa fare andare in malora il tuo lavoro… io non mi piego! ed ogni volta che succederà un episodio come quello avvenuto stanotte, io sarò lì a farmi spintonare ed a farmi minacciare, ma il mio lavoro, e la mia casa, saranno sempre difesi da me e da i miei amici!

Domani molto probabilmente leggerete di subbugli in via Chiavettieri e di Movida molesta… sappiate che non è così! Si tratta bensì dell’ennesimo episodio che viene attuato per screditare tutto quello che di bello siamo riusciti a creare! Aiutatemi a far sì che non prenda voce l’idea che la via Chiavettieri è una strada pericolosa e che l’episodio di stasera (che è durato appena 5min) che ci ha costretto a finire prima la serata non diventi un deterrente per venirvi a godere una serata da noi!
Sempre pronti a godere ed a gioire con voi un abbraccio a tutti, soprattutto a coloro che non hanno esitato un momento ad aiutarmi! Spero di vedervi sempre così! Vi amo”