Dopo aver fatto parlare di se per la vicenda relativa ai rifiuti presenti in quel di Noto, Selvaggia Lucarelli continua il suo tour fra le bellezze e gli orrori della Sicilia. Mantenendo una promessa fatta ai suoi follower, l’influencer italiana ha visitato oggi il cimitero di Santa Maria dei Rotoli, a Palermo. Un camposanto al centro di un’emergenza da oltre un anno e mezzo e nel quale 920 salme sono in attesa di una degna sepoltura. Ricordiamo che circa 200 di esse si trovano in questo momento al suolo.

Selvaggia Lucarelli tocca con mano l’emergenza (VIDEO)

Una situazione che chi vive a Palermo ha imparato a conoscere e a condannare. Tutto in un contesto nel quale la politica e la burocrazia locale non sono state in grado di attuare soluzioni efficaci. Fra ordinanze, piani presentati come la panacea di tutti i mali e l’avvicendamento di ben tre assessori, compreso un interregno del sindaco Leoluca Orlando, il quadro è andato purtroppo soltanto a peggiorare.

Ma per chi, da fuori, ne ha soltanto sentito parlare, vedere e toccare con me il quadro di caos presente ai Rotoli fà un certo effetto. Visione confermata anche dalla stessa Lucarelli, che lascia ai social il suo personale sfogo sulla vicenda. “Quasi 1000 bare giacciono nel cimitero di Santa Maria dei Rotoli parcheggiate sotto un tendone da festival della birra da più di un anno. Ci sono bare, anche di bambini, che aspettano la sepoltura dagli inizi del 2020. Ne avevo letto, sono andata a vedere. Dopo alcuni video e articoli di denuncia credevo che qualcosa si fosse mosso. E invece non solo non si è mosso nulla, ma la situazione è peggiorata”.

“Odore indefinibile”

Fra gli elementi maggiormente condannati dall’influencer vi è lo stato delle tensostrutture, ancora chiuse al pubblico dalla giornata di giovedì. A confermarlo i nastri biancorossi presenti a delimitare l’area, già segnalati dal nostro videoservizio di giovedì 26 agosto. “La distesa di bare, sotto il sole cocente di fine agosto, nel viale centrale del cimitero è un’immagine che sa di orrore e sconfitta. Entrare lì dentro mi ha lasciata incredula”.

Inevitabile il riferimento all’odore decisamente nefasto proveniente dai depositi. “C’è un odore indefinibile, un odore che devo contenere con una doppia mascherina e un lembo del vestito sul naso. Le bare sono sporche, circondate da fiori volati via, perdono liquidi che fuoriescono e macchiano l’asfalto, scivolano sotto le altre bare. Qualcuna è avvolta dalla plastica per trattenere lo scempio”.

“Qualcuno si muova”

Selvaggia Lucarelli punta poi il dito contro la mancanza di pulizia delle bare e dei luoghi in cui esse risiedono. “Non posso credere a quello che vedo. E non esiste giustificazione. La burocrazia, la mancanza di spazio, le lungaggini. Il direttore del cimitero che a maggio è cambiato (ma almeno pulire lì dentro? Disinfettare?); l’impianto di areazione che doveva arrivare (che fine ha fatto?), i cassoni di zinco che secondo il sindaco Orlando dovevano arrivare pure loro e così via. Cosa deve succedere perché si metta fine a questo scempio?”.

La Lucarelli chiude il suo post, richiedendo un immediato intervento delle istituzioni. “Serve la Regione? Serve lo stato? L’esercito? Orlando, Musumeci, Draghi. Qualcuno si muova, perchè questa volta non saranno le ossa di Santa Rosalia a fermare lo scempio .I cimiteri dovrebbero custodire la morte, non averne l’odore”. Ricordiamo che, proprio in settimana, il gruppo nazionale della Lega ha presentato un’interrogazione a Camera e Senato per avere risposte in merito all’emergenza. Un’operazione in cui è stato direttamente coinvolto anche il leader del Carroccio Matteo Salvini, che ha già annunciato una sua prossima visita a Palermo sul tema.

“L’amministrazione comunale ritiene doveroso ricordare che si sta già impegnando per risolvere il problema delle bare nel cimitero di Santa Maria dei Rotoli. Il sindaco Leoluca Orlando ha emanato venerdì un’ordinanza che rende subito operativi gli interventi condivisi in consiglio comunale. Seguirà, inoltre, la redazione di un dettagliato cronoprogramma aggiornato degli interventi”. E’ quanto fanno sapere da Palazzo delle Aquile in merito a quanto dichiarato da Selvaggia Lucarelli che oggi ha pubblicato un post sui social sulla situazione delle quasi mille bare che si trovano al cimitero dei Rotoli in attesa di sepoltura.