Il gup di Palermo ha condannato in abbreviato a 2 anni e 4 mesi Lorenzo Rigano e Gioacchino Bono, accusati del pestaggio di un senegalese diciannovenne, aggredito ad agosto dell’anno scorso a Partinico (Palermo).

Ad entrambi il giudice ha applicato l’aggravante dell’odio razziale, assolvendoli, invece, dalla seconda accusa che era di diffamazione. L’indagine è stata condotta dai pm Geri Ferrara e Alessia Sinatra.

La vittima dell’aggressione si chiama Dieng Khalifa. Rigano, operaio di 38 anni anni, e Bono di 35, vennero individuati grazie al video girato dalle telecamere di un locale della piazza di Partinico e al racconto di alcuni testimoni che avevano assistito al pestaggio, avvenuto vicino a un bar della cittadina. Bono, riuscito a sfuggire all’arresto,
venne rintracciato in un secondo momento.

Il senegalese era in bici nella piazza di Santa Caterina e attendeva un operatore della comunita’ alloggio, da cui era ospitato, che stava cercando un giovane extracomunitario ancora non rientrato nella struttura. Venne insultato da alcune persone sedute al tavolino di un bar: ‘Vattene via sporco negro, siete tutti figli di p… ve ne dovete andare dal nostro Paese’, gli dissero. Poi fu preso a calci e pugni al viso. Il ragazzo non reagi’ e fu soccorso e portato all’ospedale di Partinico. Il giorno seguente presento’ la denuncia.