Dal 30 aprile fino al 18 giugno si sta celebrando il 15esimo anniversario del Sole Luna Doc Film Festival. Un traguardo importante celebrato con una rassegna speciale dal titolo 15DOC winners collection. In programma per domani, martedì 12 maggio alle 19.30, il film: A summer not to forget.

Il film, disponibile online sul sito www.solelunadoc.org, si aggiudicò il premio della Giuria internazionale nell’edizione del 2009 e racconta, attraverso immagini non mostrate dai media occidentali, l’orrore delle vittime e dei loro familiari. Tutto ha inizio il 12 luglio 2006 quando Hezbollah cattura 2 soldati israeliani. La risposta di Israele è immediata e per i successivi 34 giorni i libanesi assistono inermi a un bombardamento senza sosta: 1.200 civili uccisi, oltre 4.000 feriti, più di un milione di profughi e lo sversamento in mare di 15.000 tonnellate di greggio che ha causato un disastro ambientale su 80 Km di coste mediterranee.

A summer not to forget è un film sulla guerra e le conseguenze della guerra come raramente vengono mostrate – scrissero i giurati nella motivazione – Una terribile metafora del conflitto totale, dove non c’è confronto diretto tra i nemici ma solamente la visione apocalittica della distruzione. Un’opera dedicata a tutti i civili, vittime innocenti della guerra assoluta”.

La giuria era composta quell’anno da: Oliver Watson, allora direttore del Museum of Islamic Art di Doha, Mondher Kilani, Antropologo, Edoardo Ceccuti, allora direttore dell’Archivio dell’Istituto Luce, Giancarlo Bocchi, regista documentarista, Marco Bertozzi, Docente di Architettura IUAV di Venezia, documentarista.