Il Teatro Mediterraneo Occupato sostiene l’Ambulatorio di quartiere Borgovecchio a Palermo, un progetto popolare all’interno del Centro Sociale Anomalia, messo in piedi e portato avanti da diverse realtà cittadine con l’obiettivo di migliorare l’accesso alla salute sopratutto per le fasce più deboli.

Coloro che dedicano il proprio tempo alla crescita del progetto lo fanno in forma totalmente volontaria e gratuita e, per far sì che i volontari possano acquistare costose apparecchiature mediche, il TMO promuove un happening per una raccolta fondi.

L’evento si terrà nei giorni 1 e 2 ottobre negli spazi del TMO e vedrà la partecipazione di molti artisti, agenti nella dimensione sia locale che nazionale, impegnati a sostenere la causa. Un’iniziativa che realizza quell’ideale di una dimensione artistica, estetica e culturale al servizio della società.

Il Teatro Mediterraneo Occupato invita tutti lunedì 26 settembre alle ore 10 presso i locali di Palazzo Cefalà sito in via Alloro, ad una conferenza nel corso della quale, in compagnia degli artisti che sostengono la causa, verranno esposti sia il progetto dell’ambulatorio che il programma dell’happening con i dovuti dettagli. Presenti alla conferenza anche i medici volontari dell’ambulatorio.

Per ciò che concerne il programma della due giorni, oltre ai dibattiti e performance musicali e di spettacolo in genere, momento particolarmente interessante sarà la mostra e l’asta di beneficenza, con servizio di galleria, con le opere di noti artisti tra cui, per citarne alcuni, Alessandro Bazan, Igor Scalisi Palminteri, Francesco Ugo De Grandi.

ARTISTI PARTECIPANTI AL CALL FOR ENTRIES: Roberto Lipari, Salvo Piparo, Sergio Vespertino, ErnestoMaria Ponte, Salvo Benassai, Alessandro Bazan, Francesco Ugo De Grandi, Igor Scalisi Palminteri, Linda Maria Sofia Rosalia Randazzo, Maziar Firouzi, Riccardo Brugnone, Uwe Jaentsch, Andrea StepkovaElias Vitrano, Adriano La Licata, Giuseppe Borgia, Quinzio Quiescenti, Peppino Marabita, Federico Stabile, Le Formiche.