• Palermo verso l’allentamento delle restrizioni e l’apertura dei ristoranti all’aperto
  • Via alla  semplificazione dei procedimenti amministrativi per ottenere la concessione del suolo pubblico
  • Appelli all’amministrazione comunale per rilanciare le attività di Palermo con una task force ad hoc

Suolo pubblico gratis a ristoranti e food e stop alla Ztl”. È unanime la richiesta della politica palermitana all’amministrazione comunale in vista dell’arrivo di possibili allentamenti alle restrizioni imposte dal governo nazionale. La richiesta a Orlando arriva da più parti. “Palermo deve prepararsi a tornare in zona gialla – dicono i consiglieri comunali di Italia Viva- e non può farsi sfuggire il treno della ripartenza economica”. Per questo chiedono che il Comune autorizzi a titolo gratuito l’occupazione del suolo pubblico a ristoranti, bar, gelaterie e attività del settore food in deroga a tutti i regolamenti e lo stop alla Ztl per tutto il 2021.

Accordo SUAP – Sovrintendenza

Intanto il SUAP ha siglato un accordo con la Soprintendenza ai beni culturali che consentirà la semplificazione dei
procedimenti amministrativi per ottenere la concessione del suolo pubblico a tutte le attività commerciali ricadenti in aree pubbliche e private soggette a vincolo da parte della soprintendenza. Lo annuncia il consigliere comunale e presidente della VI commissione Ottavio Zacco. Grazie al protocollo, nato da un lavoro propedeutico
svolto in sinergia tra gli uffici del SUAP e la VI commissione consiliare, da oggi l’iter per ottenere il rilascio delle concessioni di occupazione del suolo pubblico attraverso la collocazione di dehors e tende solari in area riconosciute come aree di valenza monumentale, sarà molto più semplificato e rapido, così da venire incontro alle tante richieste pervenute da parte delle associazioni di categoria durante le molteplice audizioni convocate dalla VI Commissione.
“Un segnale importante da parte della politica locale per dimostrare il proprio sostegno alle categorie commerciali interessate che hanno subito il disastroso impatto economico e sociale causato dalle prolungate chiusure”, dice Zacco.

Appelli dalla Lega

La Lega rilancia l’appello all’assessore comunale Cettina Martorana. “Bar, ristoranti e altri locali vanno messi in tempi brevissimi nelle condizioni di potere tornare a lavorare in sicurezza con tavoli e sedie all’aperto”, si legge in una nota del consigliere comunale della Lega e vice presidente della commissione consiliare attività produttive, Alessandro Anello che fa appello al membro della giunta per dare vita a un confronto in Consiglio comunale sia “per superare lo stallo fra Comune e Amat sui rimborsi degli spazi con strisce blu, destinati a parcheggi a pagamento da poter cedere ai commercianti per collocare i dehors, ma anche per risolvere il problema
degli uffici del Suap.

Chiesta task force comunale ad hoc

Chiede un “atto immediato da parte dell’Amministrazione comunale”, Igor Gelarda, consigliere comunale e capogruppo della Lega a Palermo.  “Bisogna effettuare subito una deroga al regolamento comunale del suolo pubblico. È necessario concedere immediatamente a tutti i ristoratori, i bar, le gelaterie, gli street food, tutto il suolo pubblico possibile. E deve semplificarsi l’iter per concedere le autorizzazioni, avvalendosi di una semplice autocertificazione”. Gelarda ribadisca la necessità d’istituire una task force comunale ad hoc, proprio per la gestione pratiche suolo pubblico. “Non si puo perdere altro tempo prezioso in vista di una zona gialla che comunque si sta avvicinando. Bisogna, ancora, risolvere al più presto il problema della concessione del suolo pubblico sulle strisce blu”.