La procura di Palermo ha chiesto la condanna a 14 anni di reclusione per Mered Medhanie Yedhego, l’eritreo arrestato in Sudan ed estradato a giugno del 2016 in Italia con l’accusa di essere a capo di una delle maggiori organizzazioni criminali che gestiscono il traffico di migranti tra l’Africa e l’Europa.

L’imputato si è sempre difeso sostenendo di essere vittima di un errore di persona.