Parla Maria Cagnina, moglie di Antonio Borgia, l’autore, reo confesso, dell’omicidio di Ana Maria Di Piazza. La 30enne di Giardinello è stata trovata senza vita nelle campagne tra Balestrate e Partinico. Era incinta Ana, nel grembo aveva un maschietto, ed è stata uccisa con 10 coltellate, quella fatale alla gola.

“Non lo posso perdonare per quello che ha fatto. Ha gettato all’aria tutto. La vita di quella povera ragazza, la nostra famiglia e il nostro futuro”. Lo dice la moglie dell’imprenditore partinicese, titolare dell’azienda che negli ultimi anni si era specializzata nella costruzione di piscine.

“Sono la moglie di Antonio Borgia, un assassino. Lo so. Non posso negare di essere arrabbiata”, dice nel corso di un’intervista rilasciata a La Repubblica. La 45enne non odia il marito dopo quello che ha fatto ma dice di aver perso ogni stima nei confronti di quell’uomo che in passato era stato denunciato per maltrattamenti dall’ex moglie. Il matrimonio con Maria Cagnina, come la stessa conferma, andava benissimo e mai aveva alzato le mani a moglie e figli. “Sono stati diciotto anni di matrimonio idilliaco”, confida a Repubblica la moglie che ancora non riesce a spiegarsi cosa sia accaduto dentro la testa di Borgia.

La donna non sapeva nemmeno della relazione clandestina tra il marito e la vittima ma aveva il sentore che c’era qualcosa che non andava. “Nell’ultimo mese voleva vendere tutto e andare via, in America – aggiunge -. Non capivo il perché. Era strano, ma non pensavo a una storia del genere”.

Maria Cagnina racconta anche di aver visto il marito pochi attimi dopo aver commesso l’omicidio di Ana. “Aveva gli occhi bassi – racconta -. Non ha avuto il coraggio di guardarmi in faccia. Era già successo tutto”. Secondo la donna ciò che avrebbe spinto il marito a compiere un gesto di una simile efferatezza non può che essere stato un raptus di follia e si rivolge alla mamma di Ana: “Siamo vittime tutte e due, vorrei dirle da donna a donna. Non abbiamo colpa, né noi né i nostri figli. Avevamo una vita che è andata distrutta. E a farlo è stato mio marito”.

Oggi saranno celebrati nella chiesa madre di Giardinello i funerali. La messa sarà celebrata dal parroco don Claudio Gulino.