Per tutta la mattina di ieri i dipendenti del Tar di Palermo hanno visto gli uomini della polizia scientifica setacciare la zona di corso Butera e di vicolo del Sant’Uffizio.

Erano a caccia di una traccia una prova che potesse consentire di risalire agli autori di un furto con presunta violenza sessuale.

Ogni minimo indizio in questi casi non può essere tralasciato. Due turiste che soggiornavano in una casa vacanze della zona hanno raccontato ai poliziotti di essere state derubate di cellulari, computer, soldi e carte di credito.

Le due giovani di 27 e 26 anni hanno anche raccontato di essere state narcotizzate e violentate. Una presunta violenza sessuale al centro di indagini scrupolose da parte della squadra mobile.

Le due turiste sono state portate in ospedale per essere visitate e si attende l’esito per cercare di trovare riscontro a quanto raccontato.