• La sera del 9 marzo 2020 l’annuncio del Premier Conte
  • Scatta la fuga notturna dal Nord verso il Sud
  • Tutta l’Italia diventa zona rossa dal 10 marzo 2020
  • Da allora, nonostante la fine del lockdown 67 giorni dopo, l’incubo non è ancora finito

La paura, la responsabilità, le polemiche e la speranza. Ma anche la solitudine e l’incertezza. Le strade vuote e le file ai supermercati, la resistenza dalle finestre con canti e applausi e gli striscioni con gli arcobaleni ottimisti sui balconi.

Compie un anno il decreto io resto a casa. Annunciato da Giuseppe Conte la sera del 9 marzo 2020 fece scattare dal giorno successivo, il 10 marzo 2020, esattamente un anno fa, le misure di lockdown inizialmente previste per unperiodo di tepo relativamente breve e con le scuole chiuse fino a 3 aprile ma poi durato esattamente 67 giorni, oltre due mesi.

Ricorre oggi, dunque, l’anniversario, il primo, dell’espansione a livello nazionale della misure del lockdown. Quella scelta che causò polemiche e probabilmente fu la causa dell’arrivo dell’epidemia al Sud. O almeno ne anticipò gli effetti anche se chi la fece sostiene il contrario,. La verità non la sapremo mai. Ma ricordiamo tutti la fuga nottetempo per prendere il treno e tornare già al Sud, oppure in auto

Un anno fa l’inizio dell’incubo

Un anno fa l’Italia piombava in uno dei momenti più tragici dal Dopoguerra, scoprendo per la prima volta quel termine inglese, lockdown, che svuotò vite e città. L’immagine-simbolo di quei mesi resterà per sempre il triste corteo di camion dell’esercito col carico di bare lungo le strade di una buia e ferita Bergamo. Erano passati appena dieci giorni dall’annuncio dell’allora premier Giuseppe Conte del cosiddetto decreto #iorestoacasa. Era l’inizio del silenzio. ‘Fuori era primavera’, come ha sapientemente mostrato Gabriele Salvatores nell’omonimo documentario, e le vie della ‘chiassosa’ Italia si ritrovarono improvvisamente deserte. Nel silenzio nacquero e si scoprirono rumori che disegnavano un’altra geografia ed umanità: lo scrosciare delle fontane, i versi più netti dei gabbiani o di altri uccelli, e lo scivolare sull’asfalto delle tante biciclette dei riders che, con i ristoranti chiusi al pubblico, garantirono e ancora garantiscono un minimo di sussistenza a queste attività.

Tutto iniziò dai piccoli centri del Nord

I paesini sembravano abbandonati, le metropoli, invece, mostrarono tratti post-apocalittici consegnati ad un silenzio senza fine e privo di traccia umana se non le pattuglie delle forze dell’ordine o dell’esercito. La fauna, in alcuni casi, si riappropriò degli spazi ‘occupati’ dagli umani. E così non era raro che un orso scendesse in città o che oche e rane camminassero tranquillamente in fila indiana lungo quelle che una volta erano trafficatissime strade. “Andrà tutto bene”, si leggeva sui balconi dove al tramonto gli italiani si ritrovavano per lanciare un messaggio musicale di speranza. Prima l’Inno di Mameli, poi i brani più simbolici della musica del Paese. Le note di Ennio Morricone dalla chitarra di Jacopo, a piazza Navona a Roma, sono state il simbolo della resilienza musicale. Il Paese nell’ora più tragica si riscopre resistente, unito, solidale. C’è chi, per esempio, improvvisò servizi di volontariato per consegnare la spesa alle persone più anziane e più sole. Mai come al tempo del lockdown le città senza uomini scoprirono un volto umano.

L’odiata scuola diventa un valore

I ragazzi, banditi dalla scuola e impegnati nella didattica a distanza, si affidarono alla tecnologia per sopperire alla mancanza di contatto con gli amici. Si iniziarono a festeggiare i compleanni rigorosamente da remoto. E anche le lauree. Gli adulti scoprirono lo smart working. Si viveva e purtroppo si moriva da remoto. Perchè negli ospedali e nelle Rsa, sigillati a causa del contagio, tanti, troppi anziani sopportarono la malattia da soli e da soli morirono. Ma si andò avanti perchè si doveva. C’è chi organizzò anche estemporanei scambi tennistici da un balcone all’altro per mantenersi in allenamento. Chi si improvvisò pizzaiolo e fornaio, tanto che farina e lievito registrano il sold out, nei saloni e nelle camerette si attrezzarono estemporanee sale di allenamento, seguendo istruttori online o consigli di amici personal trainer.

Tutti volevano un cane per poter passeggiare

Uniche evasioni concesse: le passeggiate con il cane, qualche corsetta e passeggiate in bicicletta. Oggi, ad un anno da allora, l’Italia si trova ad affrontare nuove, e decisive, sfide. Il rischio di finire di nuovo in lockdown è più concreto che mai, complice l’estrema velocità di diffusione delle varianti, soprattutto tra i più giovani. Quel che è certo è che un’altra Pasqua, dopo Natale e Capodanno, passerà sotto restrizioni. L’immagine potente dell’Urbi et Orbi di Papa Francesco solo nell’immensa piazza San Pietro è ancora vivida nel ricordo degli italiani, così come quella del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che il 25 aprile rese omaggio al Milite ignoto in una deserta piazza Venezia. Un anno di resistenza. E la guerra non è ancora finita. Anche se ora è arrivato l’alleato decisivo: il vaccino. Ma che stenta a decollare.

La Sicilia coi suoi pochi casi

La Sicilia era una terra felice o qusi. Pochi casi, epidemia contenuta. Molto meno le polemiche. Polemiche per tutto: per la chiusura dei confii regionali, per il lockdown a Pasqua con le griglite sui tetti, per i droni peri controlli in spiaggia e così via. Sperimenteremo a dicembre la vera pandemia anche se mai a livelli del Nord

La Sicilia di oggi

Oggi che si parla di nuovo di lockdown nazionale e si preparano misure per Pasqua e per i week-end la Sicilia è di nuovo un’isola (qusi) felice come allora. Pochi casi ma con i Paesi della cintura palermitana che segnano la maggior parte del contagio siciliano e che potrebbero finire in una sorta di zona arancione locale. Tutti sperando nei vaccini che prò devono ancora arrivare in quantità sufficienti a consentire di uscire dall’incubo. Una strada che sembra ancora molto lunga e difficile

Articoli correlati