E’ la prima fontanella pubblica in una scuola del territorio ed è stata inaugurata, questa mattina, all’interno del liceo scientifico “Stanislao Cannizzaro” di Palermo.

L’iniziativa è partita da un input degli studenti, in modo particolare di due alunni del quinto anno, Francesca D’Angelo e Giuseppe Urbano, impegnati nelle tematiche ambientali, per abbattere il consumo di plastica.

La proposta è stata accolta e sostenuta con entusiasmo dalla dirigente Annamaria Catalano che ne vi ha creduto fin dal primo momento e ne ha spiegato la genesi: “Lo scopo è quella di ridurre il consumo di acqua attraverso l’erogazione di bottiglie di plastica, che nella nostra scuola sarà sensibilmente abbattuto. Forniremo, dopo avere reperito i fondi, i nostri studenti di una borraccia in acciaio. La fontanella è collegata direttamente all’acquedotto, quindi non attinge alle cisterne, e la sua acqua è refrigerata così da risultare gradevole al gusto. Ogni scuola dovrebbe essere dotata di una sua fontanella pubblica”.

Secondo una stima di previsione, grazie all’impianto di via Arimondi, oltre 70 mila nuove bottigliette non saranno disperse nell’ambiente. L’auspicio è che l’iniziativa funga da volano per tutti gli altri istituti scolastici del territorio.

All’inaugurazione erano presenti, oltre alla dirigente e ad un gruppo di studenti, il sindaco di Ventimiglia di Sicilia Antonio Rini, in rappresentanza della città metropolitana di Palermo, e il capo di gabinetto della stessa città metropolitana Annamaria Mirto.

“La fontanella – ha detto Rini – dimostra la sensibilità di questa scuola e di questi ragazzi nei confronti delle tematiche ambientali e, più in generale, la loro passione civica. Giovani capaci di armarsi di scope e guantoni e pulire la loro città, un monito per i loto coetanei , ma anche per i più anziani. Per questo motivo saranno insigniti della “Tessera preziosa mosaico Palermo”.

L’installazione della Fontanella è inserita nella Campagna Plastic Free ed è stata collocata a cura della Squadra Tecnologica della Direzione Patrimonio P.O. Prevenzione e Sicurezza, Provveditorato ed Autoparco, responsabile Lorenzo Fruscione, della Città Metropolitana di Palermo.