Mancano pochi giorni all’avvio dei lavori sul sottopasso di via Francesco Crispi, a Palermo. Il 22 agosto infatti, la ditta incaricata dal Comune inizierà gli interventi sui coprimuro laterali della struttura che attraversa piazza XIII Vittime. Opere che comporteranno la chiusura totale di una delle due corsie per circa un mese.

Avvisi su fogli A4 praticamente illegibili

Fatto che, logicamente, causerà certamente problemi sul fronte della viabilità. Tema sul quale l’Amministrazione Comunale ha emesso due ordinanze tramite l’Ufficio Mobilità per cercare di fornire alternative alle auto e ai mezzi pesanti. Un’impresa non facile nel circondario del Porto, già fiaccato da atavici problemi di traffico.

All’interno delle suddette ordinanze, l’Amministrazione ha annunciato che avrebbe pubblicizzato le chiusure attraverso alcuni cartelli specifici. Avvisi che in realtà si sono trasformati in dei fogli A4 posti qua e là su via Francesco Crisipi e su piazza XIII Vittime. Caratteri non semplici da leggere, soprattutto per chi passa in velocità sulla strada in questione o per chi è spostato di più sulla destra. Ad una certa distanza, si fa una certa fatica a distinguere i caratteri. Insomma, o si ha una vista eccelsa oppure difficilmente la cittadinanza può uscirne informata dalla lettura dei suddetti fogli.

Partono i lavori in via Crispi, chiusure e divieti

Interventi inseriti all’interno dell’accordo quadro 2017-2020, sottoscritto il 9 febbraio 2021 alla presenza dell’ex assessore Maria Prestigiacomo e dei responsabili della ditta Tecno Costruzioni, che si è aggiudicata i lavori. Lavori rallentati da una serie di intoppi burocratici. Difficoltà superate definitivamente nel mese di giugno, quando gli esponenti dell’azienda avevano annunciato l’inizio delle opere, una volta concluse quelle relative al rinnovamento del sistema d’illuminazione.

Secondo quanto previsto dall’ordinanza 987 del 10 agosto 2022, firmata dal dirigente Sergio Maneri, in una prima fase chiuderà al transito la corsia in direzione Cala. Divieto di transito che dovrebbe prolungarsi per circa trenta giorni. Stop al transito che diventerà parziale nella seconda fase degli interventi, con la chiusura che riguarderà soltanto l’area di cantiere, lasciando così libera una corsia larga circa tre metri. Per l’intera durata del cantiere, verrà istituito il divieito di sosta nel tratto laterale compreso fra via Onorato e via San Sebastiano. Ciò per facilitare il deflusso dei mezzi in direzione Cala o, in alternativa verso via Cavour.

Ultimati i lavori, si passerà al lato in direzione piazza della Pace, ovvero quello più coinvolto nel passaggio dei mezzi pesanti in direzione degli imbarcaderi del Porto. Anche in questo caso, vi sarà una prima fase di chiusura totale, della durata di trenta giorni. Stop alla circolazione che diventerà parziale nella fase due. Per l’intera durata dei lavori, è prevista l’instaurazione del regime di divieto di sosta nella corsia laterale, nel tratto compreso fra via Filippo Patti e via Sammuzzo.

Parziale sospensione della Ztl

La seconda ordinanza, la numero 988, riguarderà invece le “azioni di mitigazione veicolare per i lavori di manutenzione”. La viabilità dell’area del Porto è già di per se fragile e l’Amministrazione ha pensato a delle soluzioni alternative sul fronte della viabilità. In tal senso va letta la sospensione della Ztl in una piccola parte di via Roma, fino all’intersezione con via Concettina Franchetti, e nelle vie Squarcialupo e Castello. Ciò “fermo restando la limitazione nel resto della zona A e ferma restando la Ztl notturna”. Quest’ultima infatti rimarrà regolarmente in vigore. Regole diverse per i mezzi pesanti, per i quali sarà costituito “un itinerario alternativo, mediante il posizionamento di segnaletica lungo le vie Squarcialupo e Castello”.