La Polizia di Stato ha proceduto all’esecuzione della ordinanza del gip del tribunale per i minorenni, Federico Cimò, della misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di due ragazzi di 17 e 18 anni, nonché alla esecuzione della misura del collocamento in comunità di altri due ragazzi, rispettivamente di 16 e 17 anni, tutti indagati per il reato di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una diciassettenne.

Le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile di Palermo. Tre degli indagati hanno precedenti per reati contro il patrimonio ed uno di loro anche per lesioni personali; inoltre, due sono stati segnalati per assunzione di sostanze stupefacenti.

La violenza è avvenuta ai primi di dicembre in un parcheggio sotterraneo nei pressi del Tribunale a Palermo. I ragazzi, all’epoca tutti minorenni, in gruppo, hanno approfittato del fatto che la ragazza fosse ubriaca portandola con sé e perpetrando l’abuso.

Grazie ai filmati delle telecamere presenti nel parcheggio, e quelle della zona, permettendo di ottenere dei frame importanti che hanno documentato quanto successo nei momenti antecedenti e successivi alla violenza.

Si è proceduto quindi all’acquisizione dei tabulati del telefono della ragazza e dell’unico soggetto a lei noto del gruppo degli aggressori. Così si è arrivato ai violentatori.

Le indagini sono state coordinate dal pm Claudia Caramanna della Procura della Repubblica presso il tribunale per i minorenni di Palermo.