Carlo Amenta per la Sicilia occidentale ed Alessandro Di Graziano per quella orientale sono i due commissari delle Zes, le zone economiche speciali nell’isola. A nominarli il ministro per il Sud Mara Carfagna di concerto con la Regione siciliana.

Di fatti, i commissari sono i rappresentanti legali delle Zes. Le nomine erano attese perché adesso le due strutture potranno andare a regime e far partire gli appalti. Amenta, 46 anni, è un commercialista e docente di Scienze economiche, aziendali e statistiche nell’ateneo di Palermo. Ricopre inoltre l’incarico di direttore dell’Osservatorio economia digitale all’Istituto Bruno Leoni.

Amenta è vicino agli assessori Roberto Lagalla, già rettore dell’Università di Palermo, e Gaetano Armao, che lo aveva già indicato a inizio legislatura nel pool di esperti a cui fu chiesto di verificare la situazione contabile ereditata dal precedente governo. Docente universitario anche Di Graziano, 47 anni, che insegna Infrastrutture e sistemi di trasporto a Catania, da molti definito gradito all’assessore Marco Falcone.

A dicembre approvata la riforma Irsap

A dicembre il via libera alla riforma dell’Irsap, ovvero alle aree industriali siciliani. L’Ars ha approvato le modifiche e le integrazioni apportate alla legge sull’Irsap proposte dal governo regionale

Queste modifiche “ci consentiranno di colmare alcune incongruenze normative e di accelerare il pieno e razionale utilizzo delle aree industriali dell’Isola” ha immediatamente detto il presidente della Regione Nello Musumeci. Ma adesso la sfida si sposta su un altro piano, quello dell’applicazione delle Zes, le Zone economiche speciali che dovrebbero portare vantaggi fiscali agli insediamenti e sviluppo

Determinanti per le Zes

A distanza di dieci anni dalla sua istituzione, quindi, l’Irsap (legge regionale 8/2012) cambia pelle con l’obiettivo – strategico per il governo Musumeci – di rendere funzionali e attrattive le aree industriali in termini di servizi e infrastrutture e agevolare gli investimenti che saranno determinati dalle Zone Economiche Speciali (Zes). Molte le novità previste dal ddl in tema di snellimento e semplificazione dei processi di decisione, di valorizzazione del patrimonio e di risoluzione delle criticità legate alla liquidazione dei vecchi Consorzi Asi.

“Abbiamo finalmente – aggiunge l’assessore alle Attività produttive, Mimmo Turano – una revisione coerente della legge sull’Irsap che trasforma l’ente in un’agenzia di sviluppo efficiente al servizio del tessuto produttivo siciliano”. Cambia la governance dell’Istituto: soppressa l’elefantiaca “Consulta delle attività produttive” con potere di veto e ruolo di centralità per il Consiglio di amministrazione che sarà composto da cinque componenti, di cui due rappresentativi delle associazioni di categoria”.