“Alla Sicilia sono stati assegnati poco più di 142 milioni di euro, spalmati dal 2020 al 2033, per l’acquisto di nuovi veicoli per il trasporto pubblico locale e relative infrastrutture”. Lo ha affermato il parlamentare del Movimento 5 Stelle, Paolo Ficara, componente della Commissione Trasporti della Camera, a conclusione della conferenza unificata Stato-Regioni, che ha dato il via libera al decreto del ministero dei Trasporti per la ripartizione dei fondi per il finanziamento del Piano strategico nazionale della mobilità sostenibile.

Sono 2,2 i miliardi sul tavolo, di questi, 754 milioni sono destinati alle regioni del Mezzogiorno, rispettando la clausola del 34% di investimenti al Sud. A questa prima ripartizione destinata alle Regioni, si aggiungerà un altro miliardo e mezzo rivolto direttamente a comuni e città metropolitane.

“Ogni anno, la Regione – spiega Ficara –  potrà contare su 9,6 milioni vincolati all’intervento che vuole migliorare lo standard qualitativo e tecnologico del parco mezzi pubblici, con un occhio particolare all’elettrico ed alle infrastrutture di mobilità sostenibile. La nostra idea di futuro prevede una riduzione generale dei mezzi privati e la sostituzione di quelli più inquinanti con altri ad alimentazione alternativa: per fare questo bisogna investire risorse nel trasporto pubblico e nello specifico in mezzi sostenibili e più efficienti”.

“In questo modo sarà più facile favorire i cittadini – dice Ficara – nella scelta di lasciare la propria auto e usare modalità alternative. Ecco perché anche nella legge di Bilancio abbiamo previsto l’obbligo, dal 1 Gennaio 2020, per tutti gli enti pubblici che devono rinnovare il parco mezzi, di acquistare o noleggiare almeno il 50% di nuovi veicoli ad energia elettrica o ibrida, o alimentati a idrogeno”.