Alle Cave Gonfalone di Ragusa ieri è stata presentata l’anteprima dell’opera teatrale “Inferno” del regista Giovanni Anfuso. Questa sera il debutto ufficiale. A Ragusa sta per essere messo in scena l’Inferno di Dante Alighieri nell’affascinante scenario delle Latomie delle Cave Gonfalone. Il regista ha avviato le prove nei primi giorni di maggio nel luogo dal quale i ragusani ricavarono la pietra per edificare, dopo il disastroso terremoto del 1693, quel sontuoso centro storico oggi patrimonio Unesco.

“Una grande suggestione lavorare nel ventre della terra” ha sottolineato il regista Giovanni Anfuso parlando dell’affascinante scenario delle Latomie delle Cave Gonfalone. Dopo l’anteprima per le autorità e la stampa del 23 maggio, dal 24 lo spettacolo, che ha avuto uno straordinario successo nelle Gole dell’Alcantara e a Noto, sarà rappresentato tre volte ogni sera. “Inferno – ha detto Anfuso –, per l’intuizione dei produttori ha rappresentato un grande evento teatrale, culturale e popolare allo stesso tempo. Avevamo cercato a lungo un luogo che, come l’Alcantara, potesse esaltare le caratteristiche di questa rappresentazione. E l’abbiamo trovato in queste latomie, cuore di Ragusa, Gonfalone, bandiera della città”.

In quest’edizione gli attori saranno Liliana Randi (Narratrice), Davide Sbrogiò (Conte Ugolino), Angelo D’Agosta (Dante), Ivan Giambirtone (Virgilio), Giovanna Mangiù (Francesca da Rimini e Messo dal Cielo), Luciano Fioretto (Ulisse) e Corrado Drago (Turista e Caronte).