Una cava di sabbia marina estesa per 50.000 metri quadrati è stata sequestrata ad Acate (Ragusa) dai carabinieri del Noe di Catania perché abusiva.

Il titolare è stato denunciato.

I militari hanno bloccato un operaio che estraeva la sabbia in contrada Bosco Rinelli e la trasferiva in un impianto di vagliatura e selezione poco lontano il cui titolare aveva un’autorizzazione ad estrarre materiale revocata nel 2013.

Riscontrata, tra l’altro, anche la presenza di un lavoratore non assunto regolarmente. Il sequestro, anche dei mezzi, è stato convalidato dal Gip di Ragusa.

Continuano, in tutte le province della Sicilia, i controlli del Nucleo operativo ecologico dei Carabinieri finalizzati alla tutela ambientale.

(foto di repertorio)